Home FISCO Quota 100 resta fino al 2021, cuneo insufficiente in manovra 2020.

Quota 100 resta fino al 2021, cuneo insufficiente in manovra 2020.

25
0

Nella notte il premier Conte e il ministro Gualtieri sono scesi in sala stampa per annunciare di aver completato la manovra 2020 salvo intese.
Una manovra, ha detto Conte, espansiva …
Decreto Legge collegato alla bozza di manovra 2020.
Sterilizzazione aumenti dell’Iva. La misura chiave della manovra che costituisce il piu’ grande capitolo delle risorse necessarie, è lo stop all’aumento dell’IVA, CHE HA UN VALORE DI 23,1 MILIARDI.
Quota 100: Nella manovra 2020 dovrebbe rientrare quota 100 che non sarà abolita ma resterà sino al 2021.
Cuneo Fiscale: La manovra prevede, a partire dal 2020, il taglio del cuneo fiscale a favore dei lavoratori dipendenti. Le minori imposte e contributi per aumentare il netto in busta, per il 2020 prevede uno stanziamento minimo di 3 miliardi di euro, per poi passare a regime a 6 miliardi l’anno.
Secondo la bozza approvata dal governo il beneficio andrà esclusivamente a favore dei lavoratori dipendenti che percepiscono un reddito annuo lordo fino a 35.000 euro. In pratica gli interessati sono quelli che già percepiscono il bonus Renzi con reddito fino a 26.000 euro annui (che continueranno a percepire gli 80 euro mensili) a cui si aggiungeranno i lavoratori dipendenti con reddito lordo annuo tra i 26.000 euro e i 35.000 euro ai quali andranno circa 50 euro in più al mese, circa 500 euro annui per il 2020, che diventeranno 1000 euro l’anno nel 2021.
Una misura che non ha un valore in termini di rilancio dell’economia delle famiglie e dei consumi vista l’esiguità degli importi stanziati.