Proponiamo la sintesi della Sentenza della Corte di Cassazione n. 1364 del 21-01-2011 che afferma il principio secondo il quale la Commissione Tributaria Provinciale deve motivare la decisione di ritenere il contribuente non a conoscenza della falsa provenienza  delle fatture ricevute.
Il contribuente che contabilizza fatture per operazioni inesistenti può detrarre l’Iva ad  esse relative soltanto se riesce a dimostrare che non era a conoscenza della frode fiscale in atto e a cui inconsapevolmente stava partecipando. 
Fonte Fisco Oggi.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here