Home NEWS G7 Bari: crescita timida con rischi politici che si riducono …

G7 Bari: crescita timida con rischi politici che si riducono …

40

Al G7 di Bari gli altri grandi Paesi industrializzati si è discusso di una crescita timida, non viva ancora titubante. I 7 inoltre sono scettici sui futuri rapporti con Trump e la sua politica. Questa l’evidenza che è uscita fuori ieri alla chiusura del G-7 che si è tenuto ieri a  Bari. Il rischio di chiusura del mercato da parte di Washington non è affatto superato.

La foto dell’economia globale rappresenta una ripresa che da una parte sta facendo vedere nuovi spunti positivi ma dall’altro è una crescita che ancora stenta e si muove troppo lentamente.

Una crescita che in molti Paesi è al di sotto delle potenzialità economiche, e che resta in ogni caso bloccata.

Secondo Padoan, ospitante del G7 a Bari «Il clima è migliorato» nei rapporti con gli Stati Uniti dopo gli scontri nel G-20 a Baden, al debutto del segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, e dopo le tensioni alle riunioni del Fondo monetario a Washington tenutesi nel mese scorso. Non c’è disaccordo sul fatto che il commercio promuove la crescita», ha detto Padoan.

Il G7 si chiude con una sicurezza: «i frutti della crescita economica siano distribuiti più ampiamente».

L’aumento delle disuguaglianze sociali, all’interno dei Paesi, che ha interessato soprattutto le classi medio-basse, ha favorito l’aumento dei populismi e dell’opposizione alla globalizzazione.

La risposta del G-7 a tali problemi globali è stata l’approvazione del Manifesto di Bari, dove vengono promosse politiche di inclusione e strutturali.

«A Washington – commenta il capo di Bankitalia Visco – era evidente una divergenza tra l’incertezza sulla politica economica post risultati elettorali e la volatilità piatta sui mercati finanziari.

L’elezione di Emmanuel Macron in Francia, ha osservato invece  il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ridà slancio alla crescita nell’eurozona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here