Home NEWS Emilia Romagna: contributi alle imprese colpite dal sisma

Emilia Romagna: contributi alle imprese colpite dal sisma

0
0

Contributi a fondo perduto alle imprese colpite dal sisma in Emilia Romagna

La Regione Emilia Romagna sostiene le imprese nelle aree colpite dal sisma del 2011, attraverso un contributo alle spese sostenute per il miglioramento sismico e l’ottenimento della certificazione di agibilità sismica dei fabbricati destinati ad attività produttive, di qualsiasi tipologia costruttiva.

I beneficiari

Possono presentare domanda le imprese appartenenti a tutti i settori di attività economica Ateco 2007 ad eccezione della sezione A “Agricoltura, silvicoltura e pesca” che:

• Hanno sede legale e/o sede operativa e/o unità locale destinataria dell’intervento, in uno dei Comuni dell’Emilia-Romagna colpiti dal sisma. Per i Comuni Argenta, Argelato, Bastiglia, Campegine, Campogalliano, Castelfranco Emilia, Modena, Minerbio, Nonantola, Reggio Emilia e Castelvetro Piacentino è previsto un contributo da concedersi ai sensi e nel rispetto del Regolamento (UE) 1407/2013 “de minimis”;

• Esercitano, o esercitavano al momento del sisma, l’attività all’interno dell’immobile oggetto dell’intervento o, in qualità di proprietari, abbiano messo a disposizione l’immobile ad uso produttivo sulla base di un regolare titolo giuridico ad altra impresa che eserciti, o avesse esercitato al momento del sisma, nello stesso la propria attività.

Spese ammesse

Interventi di miglioramento sismico già effettuati

Interventi realizzati con le seguenti modalità:

  • l’intervento di miglioramento sismico deve essere stato effettuato sulla base di un progetto redatto secondo quanto previsto dalle Norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto del Ministro delle Infrastrutture del 14 Gennaio 2008 oppure al decreto del Ministro delle Infrastrutture del 17 Gennaio 2018;
  • deve aversi evidenza della acquisizione del certificato di agibilità sismico definitivo, ove necessario;
  • il costo ammissibile è determinato dal costo degli interventi, al lordo delle spese tecniche e dell’IVA, se non detraibile, così come risulta dal computo metrico estimativo sulla base del vigente “Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche”;
  • la spesa massima ammissibile per gli interventi di miglioramento sismico è pari a 300 euro per metro quadro di superficie netta produttiva;
  • gli interventi di miglioramento sismico devono essere stati interamente completati prima della presentazione della domanda di contributo.

Interventi di miglioramento sismico ancora da effettuare

Possono inoltre presentare domanda le imprese che non hanno ancora effettuato o ultimato l’intervento di miglioramento sismico, secondo le seguenti modalità:

  • la domanda di contributo può riguardare esclusivamente gli interventi di miglioramento sismico;
  • l’intervento di miglioramento sismico dovrà essere effettuato sulla base di un progetto redatto secondo quanto previsto dalle Norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto del Ministro delle Infrastrutture del 14 Gennaio 2008 oppure al decreto del Ministro delle Infrastrutture del 17 Gennaio 2018;
  • a intervento effettuato, dovrà essere conseguito un livello di sicurezza sismica dell’immobile oggetto dell’intervento pari almeno al 60% di quello previsto per le nuove costruzioni;
  • il costo ammissibile è determinato dal costo degli interventi, al lordo delle spese tecniche e dell’IVA, se non detraibile, così come risulta dal computo metrico estimativo sulla base del vigente “Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche;
  • la spesa massima ammissibile per gli interventi di miglioramento sismico è pari a 300 euro per metro quadro di superficie netta produttiva;
  • l’intervento di miglioramento sismico dovrà essere integralmente effettuato entro il 31 Ottobre 2019.

Spese tecniche

Sono considerate ammissibili le spese tecniche di progettazione, esecuzione, direzione lavori, verifica e ove previsto collaudo, nonché la spesa relativa al rilascio del certificato di agibilità sismica e le spese connesse alla presentazione della domanda, nel limite massimo del 10% del totale degli interventi realizzati oggetto di ciascuna domanda.

Tipo di sovvenzione

L’agevolazione prevista nel presente bando consiste in un contributo in conto capitale fino ad una misura massima corrispondente al 70% della spesa ritenuta ammissibile.

Saranno escluse le domande la cui spesa ritenuta ammissibile risulti inferiore a Euro 4.000,00.

I contributi a fondo perduto di cui al presente bando non sono cumulabili con altri contributi pubblici concessi per le stesse spese.

Retroattività

Le spese indicate per gli interventi (esclusivamente di miglioramento sismico) dovranno essere sostenute a partire dal giorno 20 Maggio 2012 e non oltre il 10 Dicembre 2018 per gli interventi già realizzati o non oltre il 31 Ottobre 2019 per gli interventi ancora da realizzare.

Informazioni

Compila il form di contatto che trovi in questa pagina.

L’articolo Emilia Romagna: contributi alle imprese colpite dal sisma sembra essere il primo su Golden Group.

Scrivi la tua sull'argomento .......!