Home NEWS Diritto alla compensazione a fronte di debiti a ruolo scaduti: chi ottiene...

Diritto alla compensazione a fronte di debiti a ruolo scaduti: chi ottiene la dilazione dei ruoli a debito può utilizzare i propri crediti in F24. Circ. A.d.E. n. 13/E 11 Marzo 2011.

L’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 13/E dell’11-03-2011 (avente ad oggetto attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all’art. 31 comma 1 del DL. 78 31-05-2010) ha FORNITO chiarimenti ulteriori al fine di permettere ai contribuenti di utilizzare “propri crediti erariali”, mediante compensazione in F24, non soggetti a divieti previsti dal suddetto art. 31 comma 1.

Si premette che l’art. 31 comma 1 del D.L. 78/2010 ha introdotto a decorrere dal 1-01-2011 il divieto di compensazione (con F24)  di crediti erariali, in presenza  di debiti iscritti a ruolo, per imposte erariali ed accessorie di importo superiore a 1500 euro per i quali sia scaduto il termine di pagamento.  

Lo stesso art. 31 ha introdotto, però, anche la possibilità di pagamento parziale delle somme iscritte a ruolo mediante compensazione con modello F24-Accise (istutuendo l’apposito codice tributo “RUOL”) come descritto  praticamente nel nostro articolo che potrete leggere su questo post correlato.
 ————————————————–
La circolare, al punto 2, recita che il divieto di compensazione (sussistendo ruoli scaduti superiori a 1500 euro), anche in riferimento alla circolare n. 4/E, riguarda esclusivamente i crediti di natura erariale, ed in particolare la preclusione attiene ai tributi:
  1. irpef, ires, irap, addizionali regionali, IVA ed altre Imposte indirette, ritenute alla fonte E DA ULTIMO ANCHE LE IMPOSTE DI REGISTRO (anche se  per queste ultime, come puntualizza la circolare in commento, non si può applicare il meccanismo dell’F24 di cui all’art. 17 comma 1 del D.Lgs. 241/97 allorquando .. il contribuente vantasse un credito per le stesse imposte di registro).

    Non vige alcuna preclusione per le compensazioni di crediti in F24 di: 

         tributi locali, crediti d’imposta e contributi previdenziali di qualsiasi genere.

       La preclusione opera solo per le imposte e contributi NON COMPENSABILI  punto 1) e  COMPENSABILI  punto 2)  SOLO NEL CASO IN CUI si abbiamo debiti iscritti a ruolo scaduti di importo superiori a 1500,00 euro.
      ————————————————–

      Il divieto di compensazione come disposto dall’art. 31 suddetto vige in presenza di cartelle di pagamento a carico del contribuente:
      • notificate all’ 1-01-2011 per le quali sia scaduto il termine di pagamento;
      • notificate prima di tale data e per le quali sia scaduto in ogni caso il termine di pagamento.
       La norma non distingue tra ruoli ordinari e straordinari né tra provvisori e definitivi e quindi la preclusione opera, nella generalità dei casi in presenza di ruoli scaduti per imposte erariali come sopra descritte (speriamo esaustivamente ndr) allorquando questi siano di importo superiore ad euro 1500,00.

      Ricordiamo ancora, che la preclusione non opera quando il contribuente sebbene abbia debiti iscritti a ruolo per imposte erariali ed accessorie non sia ancora scaduto il termine per il pagamento (ossia non siano ancora decorsi i 60 giorni dalla notifica della cartella) o quando, novità della circolare, il ruolo è stato dilazionato con pagamento a rate.

      Si puntualizza che in presenza di debiti iscritti a ruolo per i quali è stata concessa la dilazione di pagamento è permessa la compensazione di eventuali crediti mediante modello F24. 

      A tal riguardo è bene ancora precisare che in presenza di  dilazione se l’omesso pagamento riguarda una sola rata, il piano di rateizzazione è ancora in essere ai sensi dell’art. 19 D.P.R. n. 602/73 (e quindi essa va computata dal monte limite di euro 1.500). 
      Nel caso in cui invece il mancato pagamento riguardi la prima rata o due rate successive alla prima, si decade dal beneficio della rateizzazione, e l’intero importo iscritto a ruolo è immediatamente esigibile e contestualmente valido  anche ai fini della preclusione.
       
      In conclusione, in questa selva di norme, circolari ecc.., occorre ricordare alcuni punti  di  riferimento con cui potersi orientare per evitare errori:
      Ai fini dell’individuazione dei debiti per imposte erariali che fanno scattare il divieto alla compensazione, sono esclusi i contributi e le agevolazioni erogati a qualsiasi titolo sotto forma di credito d’imposta, anche se vengono indicati nella sezione “erario” del modello F24. 
      BISOGNA CAPIRE, anche richiamando la relazione illustrativa al D.L. n. 78 del 2010, che la disposizione ha lo scopo di azzerare la differenza tra posizioni debitorie scadute del contribuente e posizioni creditorie effettive del contribuente, derivanti dall’anticipazioni di imposte erariali da parte dello stesso. 
      Per intendersi meglio,  bisogna entrare nel ragionamento logico che lo Stato ha fatto introducendo la disposizione, facendo questo esempio:

      Se il contribuente sig. ROSSI “deve” all’Erario 5.000 euro per  imposta lRPEF DELL’ANNO 2005, iscritta a ruolo ED IMPAGATA, e contemporaneamente vanta dallo Stato un credito IVA compensabile in F24 relativo ad esempio all’anno 2010, la compensazione è vietata. 
      Quindi nella sostanza non può utilizzare le sue partite a credito verso lo Stato SE PRIMA non ha regolarizzato le sue partite a debito verso l’Erario a meno che il suo debito iscritto a ruolo impagato e scaduto  non sia superiore a 1500 euro. (nel qual caso potrà utilizzare il suo credito IVA).

      PER TALE MOTIVO LA DISPOSIZIONE RIGUARDA SOLO DEBITI ERARIALI ESIGIBILI  DALLO STATO O CREDITI ERARIALI VANTATI VERSO LO STATO.

      A cura di R.v.f. 

      (Visited 6 times, 1 visits today)

      #giuseppemerolasapri #federalismosud #commercialistasapri @rivistafiscalew
      Dai un’occhiata ai MODELLI pronti all’uso...
      Leggi la Guida al Modello Scarica
      PERIZIA DI DANNO EMERGENTE E LUCRO CESSANTE – Modello unico nel genere, con cui potrai elaborare una perizia di stima secondo le norme vigenti e secondo la migliore giurisprudenza per chiedere il ---risarcimento per danni economici subiti da terzi---
      €46.90 – 
      RICORSO CONTRO AVVISO RETTIFICA VALORE TERRENI – Modello già scritto a perfetta regola d’arte per ottenere «annullamento avviso di rettifica». Contiene migliori ---- SENTENZE DELLA CASSAZIONE ---- che hanno affermato ILLEGITTIMITÀ presunzione medie di altri immobili venduti
      €36.90 – 
      CONTRATTO DI FINANZIAMENTO TRA SOCIETA' E PRIVATO NON SOCIO - Anche le società commerciali possono acquisire finanziamenti da privati non soci e quindi - per eccezione EFFETTUARE raccolta di risparmio – quando IN CONTRATTO ne sia indicata «natura e destinazione». Tutto legale e previsto dalla Delibera C.I.C.R. - Banca D'Italia - menzionata nel nostro modello qui scaricabile «unico nel suo genere»
      €56.90 – 
      CONTRATTO DI LOCAZIONE CON CEDOLARE SECCA - PROFORMA di contratto con cedolare secca “pronto” per la stipula, garantito da professionisti nel settore immobiliare
      €26.90 – 
      MODELLO RICORSO RIMESSIONE IN TERMINI RICORSO TARDIVO – Modello Ricorso che ha ottenuto accoglimento di appello dopo diniego in primo grado per inammissibilità in quanto prodotto dopo la notifica a familiare del destinatario al quale successivamente non era stato notificato il CAN.
      €29.90 – 
      CESSIONE DI QUOTE SOCIALI - contratto di vendita di partecipazioni in srl, con cessione anche del credito del cedente per ---finanziamento soci---
      €19.95 – 
      ----------CONTRATTO DI INCARICO PROFESSIONALE PROGETTISTA COSTRUZIONI O RISTRUTTURAZIONI--------- Modello reale di incarico professionale realizzato per opera di progettazione di «elevato importo». Previsione Economica DI OGNI EVENTO accadi bile durante l’esecuzione della prestazione tecnica. Modello unico introvabile, equilibrato tra interessi del committente e quelli del progettista
      €76.90 – 
      RICORSO AVVERSO AVVISO DI INTIMAZIONE EQUITALIA - Proforma di opposizione tributaria --- Unico nel suo Genere --------------- realmente utilizzato e con cui si è ottenuto sospensiva dell’espropriazione forzata a seguito di notifica irregolare di cartella Equitalia. 16 pagine di perfetta regola d’arte. --- Contiene migliori sentenze della cassazione --- che hanno affermato illegittimità notifica cartella
      €36.90 – 
      RICORSO CONTRO ACCERTAMENTO MAGGIOR RICARICO CONTIENE MIGLIORI SENTENZE A SUPPORTO ANNULLAMENTO
      €16.90 – 
      COMPROMESSO DI VENDITA IMMOBILE. Contratto di vendita immobile – in preliminare. Con il nostro modello pre-compilato non avrete rischi di errori nella stipula
      €9.50 – 
      CESSIONE DI AZIENDA - modello di contratto per la ----------cessione di azienda ---------------- con stipula di compromesso a perfetta tutela giuridica di compratore e venditore
      €16.90 – 
      CONTRATTO DI LOCAZIONE CON CEDOLARE SECCA TRANSITORIO – completo e pronto per la stipula con articoli e clausole già inseriti. Contiene opzione per cedolare secca, richiamo normativa per deroga al periodo minimo di 4 anni con perfetta tutela giuridica proprietario.
      €16.90 – 
      CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE COMMERCIALE – Proforma completo e pronto per la stipula con articoli e clausole già inseriti. Perfetta tutela giuridica proprietario
      €16.90 – 
      COMODATO USO GRATUITO ABITATIVO A NON FAMILIARI
      €4.90 – 
      COMODATO MODALE IMMOBILI STRUMENTALI – MODELLO UNICO NEL SUO GENERE – LOCAZIONE GRATUITA DI IMMOBILI STRUMENTALI CON SENTENZE CHE ESCLUDONO ELUSIONE FISCALE
      €16.90 – 
      contratto di associazione in partecipazione solo lavoro
      €19.90 – 
      contratto con collaboratore esterno allo studio.
      €7.90 – 
      affitto di azienda
      €9.50 – 
      perizia stima ramo di azienda
      €26.90 – 
      parcella automatica
      €4.90 – 
      atto costitutivo e statuto associazione sportiva dilettantistica
      €15.00 – 
      perdita superiore al capitale sociale
      €6.99 –