Modern technology gives us many things.

Rottamazione: Le scadenze da marzo dopo la sospensione

0

PRONTI – PARTENZA – VIA – DAL 1° MARZO RIPARTE LA RISCOSSIONE SOSPESA FINO AL 28 FEBBRAIO 2021.


ROTTAMAZIONE TER – INOLTRATA IL 31-7-2019.

La prima rata SCADEVA il 31 7 2019, la seconda il 30 11 2019 e le restanti 16 rate, DILUITE nei successivi 4 anni, andranno saldate il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre di ciascun anno fino al 2023.

Per effetto della pandemia le rate del 2020 sono state tutte sospese ed andranno pagate in unica soluzioni il 1° marzo 2021.

Ovviamente chi ha il piano di rateizzazione per ogni anno al 31-luglio e al 30 novembre, dovrà pagare entro il 1° marzo 2021 entrambe le rate, per poi riprendere il 31 luglio 2021 a pagare secondo piano.


ROTTAMAZIONE SALDO E STRALCIO

LA RATEIZZAZIONE PREVISTA ERA DIVISA IN TAL MODO:

1- il 35% entro il 30 novembre 2019;

2- il 20% entro il 31 marzo 2020 (diventato il 1° marzo 2021),

3- il 15% entro il 31 luglio 2020 (diventato 1° marzo 2021),

4- il 15% entro il 31 marzo 2021,

5- il 15% entro il 31 luglio 2021

Quindi attenzione occorre pagare in un solo giorno, senza ritardo, la rata del 31 marzo 2020, la rata del 31 luglio 2020 entro il 1° marzo 2021, e la 4° rata entro il 31 marzo 2021, mentre l’ultima andrà pagata entro il 31 luglio 2021.

—————————————————————————————————————–

Sono due miliardi di euro che l’Erario dovrebbe incassare nel mese di marzo prossimo per la ripartenza della rateizzazione della rottamazione-ter, di coloro che vi avevano aderito, e che hanno usufruito delle proroghe delle rate prima fino al 10 dicembre 2020 e poi fino al 1° marzo 2021.

La ROTTAMAZIONE-TER è la definizione agevolata che i contribuenti italiani hanno potuto utilizzare per chiudere cartelle esattoriali e liti con il fisco.

In particolare la definizione agevolata riguardava la chiusura di processi verbali di contestazione, liti pendenti del 2019, e saldo e stralcio 2020, e cartelle esattoriali scadute fino al 31-12-2018.

Il 1° di  marzo scadono in unica soluzione  le rate della rottamazione ter di cartelle esattoriali  che scadevano rispettivamente il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre 2020. (si potrà fruire dei 5 giorni di tolleranza e quindi pagare entro l’8 marzo ,,, ma meglio non rischiare…)

A tale data si dovranno anche pagare le rate del 31 marzo 2020 e del 31 luglio 2020 del saldo e stralcio (rateizzabile in 5 rate), per coloro che vi hanno aderito. Quindi non vi è nessun giorno di tolleranza, il mancato pagamento fa decadere l’agevolazione.

Ricordiamo che per coloro che hanno fruito del saldo e stralcio pagando solo una parte delle cartelle esattoriali a loro debito, LA RATEIZZAZIONE PREVISTA ERA DIVISA IN TAL MODO:

1- il 35% entro il 30 novembre 2019;

2- il 20% entro il 31 marzo 2020 (diventato il 1° marzo 2021),

3- il 15% entro il 31 luglio 2020 (diventato 1° marzo 2021),

4- il 15% entro il 31 marzo 2021,

5- il 15% entro il 31 luglio 2021

Quindi attenzione occorre pagare in un solo giorno, senza ritardo, la rata del 31 marzo 2020, la rata del 31 luglio 2020 entro il 1° marzo 2021, e la 4° rata entro il 31 marzo 2021, mentre l’ultima andrà pagata entro il 31 luglio 2021.

Per quanto riguarda la rottamazione saldo e stralcio, VI E’ DECADENZA SENZA REMISSIONE ANCHE SALTANDO UN SOLO GIORNO.

Per la rottamazione normale invece il pagamento dilazionato aveva previsto interessi dilatori del 2% su base annua che comunque non saranno conteggiati, visto che la proroga si è resa necessaria per l’emergenza sanitaria.

Il mancato pagamento della rottamazione ter (escluso il saldo e stralcio che decade anche per un solo giorno) non provoca la decadenza ma una sanzione pari al 30% sulle rate non versate.

A queste rate non pagate nei termini  dovranno essere aggiunti gli interessi legali, a fronte di un omesso o tardivo pagamento delle rate successive alla prima per chiudere le liti pendenti.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.