Chiusura reparto nascita. Sapri contro De Luca

20

 
Sapri ospedale chiusura reparto nascita decreto governatore Campania De Luca ministro salute Stamattina si é svolta a Sapri la manifestazione pubblica contro la chiusura dei punti nascita dell’ospedale di Sapri e Polla.
La prevista chiusura dei punti nascita di Sapri e di Polla sono i primi segnali di una politica del governo centrale che dovrà ridurre per forza di cose la spesa pubblica al fine di racimolare i soldi per finanziaria una manovra scellerata e inutile.
Alla manifestazione di Sapri – contro la chiusura dei punti nascita degli ospedali dell’Asl Sa 3 – erano presenti il senatore pentastellato Castiello, e una nutrita schiera di sapresi, che intanto hanno ricostituito lo storico comitato di lotta che, nel 1979, permise  l’apertura del nosocomio Saprese.
Inspiegabilmente assenti le istituzioni locali.
Lo scarica barile della chiusura si sta dibattendo tra il presidente della regione De Luca (Pd) e il ministro della sanità Grillo (M5S).
Il Presidente della Regione De Luca sostiene che pur avendo firmato il decreto di chiusura ha, successivamente, chiesto la deroga alla chiusura e quindi la lotta è da farsi contro il ministero grillino.
Castiello invece, presente alla manifestazione, ritiene che il potere decisorio spetta esclusivamente al governatore De Luca.
Insomma, difficile declinare le responsabilità, ma è certo che il popolo saprese non esiterà a interrompere i servizi pubblici con sciopero generale, qualora dal ministero nei prossimi giorni non arrivi una revoca ufficiale della chiusura dei punti nascita…
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here