" />

Autoriciclaggio buste paga gonfiate. Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018.

Questa la sintesi della Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018.

Commette reato di autoriciclaggio chi gonfia l’importo delle buste paga dei dipendenti, costringendoli ad accettare stipendi inferiori rispetto alle buste paga ufficiali che presentano netti a pagare maggiori.

Il datore di lavoro, dovrà rispondere di estorsione e autoriciclaggio quando costringe i propri dipendenti ad accettare stipendi effettivi inferiori alle buste paga e a protrarre il lavoro per un orario superiore a quanto previsto in contratto.

Questo quando lo stesso datore di lavoro utilizzi i soldi in nero derivanti dal reato di estorsione per pagare DIPENDENTI NON ASSUNTI REGOLARMENTE MA STRETTI DA RAPPORTO DI FIDUCIA.

 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi