Modern technology gives us many things.

Draghi: conti pubblici a rischio con 5 stelle e Lega

0

Siamo preoccupati per  il rischio di grecizzazione del nostro Paese in ordine alla tenuta dei conti pubblici con un nuovo governo poco europeo, e dopo le parole dette all’indomani del voto, da Salvini, il quale imprudentemente ha dichiarato che l’Italia resterà in Europa fino a quando questo sarà possibile.
Non è una novità che sia il movimento di Grillo sia la Lega abbiano due giovani entusiasti di dare respiro alla popolazione e ai giovani …. ma con quale rischio ? Se sono stati convinti assertori di ‘non europeismo’? Ricordiamo che oggi il processo è irreversibile.
L’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan con tutte le possibili critiche in ordine agli adempimenti fiscali,   ha sostenuto un certo equilibrio tra la necessità interna di far ripartire l’economia e gli obblighi presi con l’Europa, mentre ora esiste un rischio reale di affidare il dicastero a un ministro di poca esperienza internazionale.
Il rischio quindi, che corriamo con il nuovo governo, con la Lega o con i Cinque stelle,  è quello di strozzare i patti di Maastricht cadendo in una situazione molto simile se non peggiore alla Grecia.
Non siamo il Regno Unito – ricordiamocelo – abbiamo un debito di 2.230.000.0000 ossia 2230 miliardi (per avere una idea di grandezza una finanziaria annuale arriva a 35-40 miliardi) e pagheremo debiti fini alla fine dei nostri giorni e così i nostri figli … attenzione.
Draghi: «L’Italia? Conti pubblici importantissimi»
Draghi ha parlato dell’ Italia all’ indomani delle elezioni politiche precisando che non è stato discusso nulla del tema in consiglio direttivo. «Certamente la stabilità fiscale è di importanza cruciale soprattutto per i Paesi con un elevato livello del debito pubblico», come nel caso italiano.
LE PROMESSE ELETTORALI DEL MOVIMENTO 5 STELLE STANNO GIA’ CREANDO CONFUSIONE NELLA POPOLAZIONE. A BARI I PATRONATI PRESI D’ASSALTO CON DOMANDE FARLOCCHE DI REDDITO DI CITTADINANZA.
Non vorremmo che il reddito di cittadinanza, assolutamente immorale e contro la Costituzione, sia solo stato il modo per eventualmente governare e niente altro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.