Scade oggi: Rottamazione delle cartelle esattoriali

42

Una delle maggiori novità contenute nel decreto fiscale collegato alla Legge di Stabilità 2018 è la riapertura della cd. rottamazione delle cartelle esattoriali.

Inoltre, il decreto legge n. 148/2017, convertito con modificazioni dalla Legge n. 172/2017, prevede alcune importanti modifiche relative al calendario dei pagamenti delle rate delle cartelle esattoriali.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione ha messo a disposizione dei contribuenti il nuovo modello per presentare domanda di adesione agevolata per pagare l’importo del debito senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora.

Mancano poche ore alla scadenza dato che il dettato normativo (dopo la proroga) ha stabilito e fissato al 7 dicembre 2017 il termine ultimo per onorare ed adempiere la rata scaduta il 30 novembre.

Inoltre, in data odierna 7 dicembre 2017 è possibile procedere con la regolarizzazione della la propria situazione debitoria nel caso di mancato o incompleto pagamento delle prime due rate scadute a luglio e settembre 2017.

Agenzia delle Entrate-Riscossione ricorda che il mancato, insufficiente o tardivo pagamento, oltre il termine odierno del 7 dicembre, fa perdere i benefici della “rottamazione” e dovrà riprendere le procedure di riscossione.

Per le modalità di pagamento delle rate il contribuente può pagare il bollettino RAV collegandosi alla sezione pagamenti del sito Agenzia delle Entrate-Riscossione e inserire il proprio codice fiscale, il codice RAV riportato nel bollettino e l’importo. Successivamente scegliere tra molteplici operatori (banche, Poste e altri istituti di pagamento) che mettono a disposizione diverse modalità – bonifico, carte di credito, debito, prepagate, bollettino, addebito in conto – sulla piattaforma PagoPA.

Inoltre, presentando allo sportello il bollettino RAV ricevuto dall’Agente della riscossione, l’operatore procederà con il pagamento. Mediante Internet Banking ci si può collegare al sito della propria banca e utilizzare il servizio per il pagamento dei RAV.

Si possono pagare le rate della definizione agevolata anche con l’addebito diretto sul proprio conto corrente degli importi contenuti nei bollettini RAV.

Tra le novità introdotte dalla Legge n. 172/2017:

  • riammissione ai benefici previsti dalla Definizione agevolata anche chi ha pagato in ritardo le rate in scadenza a luglio e settembre;
  • posticipare al 31 luglio 2018 la scadenza dell’eventuale quarta rata;
  • nessuna variazione del termine per il pagamento della quinta rata in scadenza, ove dovuta, al 30 settembre 2018.
(Visited 3 times, 1 visits today)

_________________________________

_________________________________



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here