Home FISCO Dal 10 luglio è possibile trasmettere dati fatture ricevute/emesse

Dal 10 luglio è possibile trasmettere dati fatture ricevute/emesse

Con provvedimento n. 58793 del 27 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità, le specifiche tecniche e le tempistiche per la trasmissione dei dati relativi alle fatture emesse e ricevute e approva il modello per la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche.

Dal 10 luglio 2017 secondo quanto sancito dal provvedimento è possibile trasmettere i dati delle fatture emesse e ricevute, di più clienti e fornitori, attenendosi alle “specifiche tecniche e regole per la compilazione dei dati delle fatture”. 

Fino ad oggi, i dati delle fatture emesse e ricevute potevano essere trasmessi secondo le regole approvate dal provvedimento del 28 ottobre 2016. Le nuove specifiche tecniche avranno validità anche per la comunicazione opzionale di cui all’articolo 1, comma 3, Dlgs 127/2015.

Con riferimento a tutte le fatture emesse nel corso del periodo d’imposta, alle fatture ricevute e registrate ai sensi dell’articolo 25 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, comprese le bollette doganali, nonché le note di variazione relative alle predette fatture, i contribuenti devono procedere alla trasmissione dei seguenti dati riferiti al singolo documento:

·      i dati identificativi del cedente/prestatore;

·      i dati identificativi del cessionario/committente;

·      la data del documento;

·      la data di registrazione (per le sole fatture ricevute e le relative note di variazione);

·      il numero del documento;

·      la base imponibile;

·      l’aliquota IVA applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Il Provvedimento ha approvato l’allegato Modello “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA” di cui all’articolo 21-bis del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 con le relative istruzioni, composto da:

·      il frontespizio, che contiene anche l’informativa relativa al trattamento dei dati personali;

·      il quadro VP.

Per quanto concerne la trasmissione delle comunicazioni dei dati delle fatture emesse e ricevute e delle comunicazioni dei dati delle liquidazioni, periodiche IVA mediante il Modello, deve essere fatta per via esclusivamente telematica direttamente dal soggetto contribuente o tramite uno dei soggetti professionisti abilitati. Per le scadenze occorre tenere riportarle nella seguente tabella:

 

I dati del Modello, una volta acquisiti, sono resi disponibili al contribuente, nel proprio Cassetto fiscale e nella sezione Consultazione dell’area autenticata dell’interfaccia web “Fatture e Corrispettivi”, nel sito internet del Fisco italiano.