Aggiornato il: — 14/05/17

" />
Published On: dom, Mag 14th, 2017

G7 Bari: crescita timida con rischi politici che si riducono …

Al G7 di Bari gli altri grandi Paesi industrializzati si è discusso di una crescita timida, non viva ancora titubante. I 7 inoltre sono scettici sui futuri rapporti con Trump e la sua politica. Questa l’evidenza che è uscita fuori ieri alla chiusura del G-7 che si è tenuto ieri a  Bari. Il rischio di chiusura del mercato da parte di Washington non è affatto superato.

La foto dell’economia globale rappresenta una ripresa che da una parte sta facendo vedere nuovi spunti positivi ma dall’altro è una crescita che ancora stenta e si muove troppo lentamente.

Una crescita che in molti Paesi è al di sotto delle potenzialità economiche, e che resta in ogni caso bloccata.

Secondo Padoan, ospitante del G7 a Bari «Il clima è migliorato» nei rapporti con gli Stati Uniti dopo gli scontri nel G-20 a Baden, al debutto del segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, e dopo le tensioni alle riunioni del Fondo monetario a Washington tenutesi nel mese scorso. Non c’è disaccordo sul fatto che il commercio promuove la crescita», ha detto Padoan.

Il G7 si chiude con una sicurezza: «i frutti della crescita economica siano distribuiti più ampiamente».

L’aumento delle disuguaglianze sociali, all’interno dei Paesi, che ha interessato soprattutto le classi medio-basse, ha favorito l’aumento dei populismi e dell’opposizione alla globalizzazione.

La risposta del G-7 a tali problemi globali è stata l’approvazione del Manifesto di Bari, dove vengono promosse politiche di inclusione e strutturali.

«A Washington – commenta il capo di Bankitalia Visco – era evidente una divergenza tra l’incertezza sulla politica economica post risultati elettorali e la volatilità piatta sui mercati finanziari.

L’elezione di Emmanuel Macron in Francia, ha osservato invece  il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, ridà slancio alla crescita nell’eurozona.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>