Trattamento fiscale delle Polizze Malattia

La disciplina fiscale in materia di Polizze assicurative Ramo Malattia agevola in vario modo tutte le forme di assistenza sanitaria integrativa o sostitutiva del Servizio Sanitario Nazionale al fine di favorire l’accesso e l’erogazione di prestazioni sempre di più alto livello e venire incontro a bisogni sociali di cure e di assistenza sempre più complesse ed articolate.

L’articolo 15 comma 1 lettera c) del TUIR prevede una detrazione d’imposta pari al 19% degli oneri sostenuti dal soggetto contribuente per le spese sanitarie, per la parte che eccede i 129,11 euro. Inoltre, specifica che “si considerano rimasto a carico del contribuente anche le spese rimborsate per effetto di contributi o premi di assicurazione da lui versati e per i quali non spetta la detrazione d’imposta o che non sono deducibili dal suo reddito complessivo né dai redditi che concorrono a formarlo”.

Va citata, come fonte normativa, anche la Circolare n. 55/E del Ministero delle Finanze, emessa nel marzo del ’99. Questa circolare si occupa del caso in cui il datore di lavoro si impegna, tramite accordo collettivo, accordo o regolamento aziendale, di erogare delle provvidenze in caso di premorienza o di invalidità dei propri dipendenti. Il datore di lavoro, per far fronte a questo impegno, può decidere di assicurarsi con una Compagnia o una Cassa di Assistenza per formarsi una provvista necessaria a rispettare l’impegno preso. In questo caso i premi/contributi a casse di assistenza versati dall’azienda stessa non sono assoggettabili al contributo di solidarietà e, le prestazioni erogate non concorrono alla formazione del reddito Irpef del dipendente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here