Home NEWS Bonus Investimenti Sud: nuovo Modello per la fruizione del credito d’imposta

Bonus Investimenti Sud: nuovo Modello per la fruizione del credito d’imposta

E’ stato approvato dall’Agenzia delle entrate il nuovo Modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Sud Italia previsto dall’articolo 1, commi da 98 a 108, della legge 28 dicembre 2015, n. 208. Come sancito dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 76099 il modello approvato deve essere fruito dai soggetti titolari di reddito d’impresa che vogliono beneficiare del credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi (cespiti, macchinari, impianti, attrezzature) per le strutture produttive ed imprese localizzate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna (nel Meridione italiano e Isole). Non solo, anche Molise ed Abruzzo possono beneficiare della fruizione del credito d’imposta.

Per quanto concerne gli investimenti oggetto dell’agevolazione, per usufruire del credito d’imposta, devono essere realizzati a decorrere dal 1° gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2019 e devono essere connessi alla realizzazione di un progetto di investimento relativo all’acquisto o alla locazione di macchinari, impianti, cespiti e attrezzature varie destinati a unità produttive ed imprenditoriali già esistenti ed attive o che vengono avviate nel territorio. Dall’agevolazione Bonus Investimenti Sud sono esclusi i seguenti comparti: industria siderurgica, carbonifera, produzione e distribuzione di energia e infrastrutture energetiche, costruzione navale, fibre sintetiche, trasporti e relative infrastrutture, settore creditizio, finanziario e assicurativo. Inoltre il credito d’imposta non è cumulabile con altri aiuti statali.

Il nuovo modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta è disponibile gratuitamente sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it: questo è composto dal frontespizio avente ad oggetto l’informativa sul trattamento dei dati personali, i dati dell’impresa beneficiaria, del rappresentante e del referente da contattare, la rinuncia al credito richiesto o la rettifica di una precedente comunicazione, dal quadro A avente ad oggetto tutti i dati relativi al progetto d’investimento e al credito d’imposta, dal quadro B ove sono richiesti i dati della struttura produttiva e dell’impresa, dal quadro C avente ad oggetto l’elenco dei soggetti sottoposti alla verifica antimafia e dal quadro D avente ad oggetto l’elenco delle altre agevolazioni concesse.

Per quanto concerne la modalità di trasmissione della stessa domanda da parte dei soggetti interessati ed in possesso dei requisiti, deve essere trasmessa telematicamente utilizzando il software denominato “CIM17”, disponibile sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it. a partire dal 27 aprile 2017. Qualora ci si avvalga dei soggetti incaricati, questi devono rilasciare al soggetto richiedente una copia cartacea della comunicazione, copia della ricevuta dell’Agenzia delle Entrate che ne attesta l’avvenuta ricezione e che costituisce prova dell’avvenuta presentazione.