Lavoro: Taglio del cuneo fiscale solo per i giovani under 35 al loro primo impiego

Il Governo sta studiando il taglio dei contributi previdenziali solo per i giovani under 35 anni, neoassunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, i quali abbiano perso il precedente impiego e si tratti di un posto di lavoro stabile nel comparto secondario. L’idea, secondo Boccia, il numero uno di Confindustria, è proprio quello di partire dall’economia: si tratta di tagliare definitivamente il cuneo fiscale per i giovani assunti nel settore industriale nei primi tre anni di occupazione e di costruire un grande progetto di inclusione nella vita lavorativa, negli interessi del Paese e dell’industria italiana.

Un privato che deve reagire ed essere corresponsabile in una dimensione di crescita del Paese …. imprese competitive, che attuino investimenti, vendano prodotti e servizi nel mondo e alla fine recuperino livelli occupazionali, abbiamo necessità di una politica economica che sia all’altezza di queste aspettative” sono queste le parole annunciate e rimarcate più volte da Boccia. La manovra correttiva dovrebbe contare come risorse ben 3,5 miliardi di euro, ma il punto fermo è quello di capire dove concentrare l’attenzione. “Possiamo costruire nel Paese un grande progetto di inclusione dei giovani nel mondo del lavoro e nelle fabbriche, pensare di ridurre o di azzerare completamente il cuneo fiscale includendo chi è fuori dal mondo del lavoro e non aiutando solo chi è dentro?” è questo il quesito posto.

I tecnici del Def per il 2018, intanto, spiegano che si tratterebbe di una misura che prevede il taglio contributivo per il giovane che abbia già lavorato ed abbia perso il lavoro e sia assunto con contratto a tempo indeterminato. Il taglio dei contributi limitato ai giovani al loro primo impiego dovrebbe costare meno di un miliardo di euro; inoltre, se si analizzano i dati sulle assunzioni dei giovani under 30 anni con esonero dei contributi previdenziali, ha riguardato nell’anno 2015 solo 362.034 contratti su ben 1,17 milioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here