Sciopero dei commercialisti, come aderire

Parte lo sciopero dei commercialisti, primo nella storia della professione, per i giorni compresi tra il 26 febbraio 2017 e l’8 marzo 2017.


Per aderire allo sciopero il commercialista deve effettuare alcuni comunicazioni.

L’articolo 3 e l’articolo 4 punto b) del codice di auto regolamentazione obbligano il commercialista che aderisce allo sciopero l’obbligo di informare, tempestivamente in forma scritta,  sia i propri clienti sia le segreterie delle commissione tributarie di competenza.

L’adesione allo sciopero deve rendersi noto rispettando i tempi e le modalità di adesione previsto dal codice suddetto di autoregolamentazione ordinististica.

La comunicazione dello sciopero ai clienti e al giudice delegato dovrà essere trasmessa 10 giorni prima dell’inizio dell’astensione e quindi tra due giorni 16 febbraio 2016. In particolare, al cliente e al giudice delegato la comunicazione preventiva deve essere effettuata entro 10 (dieci) giorni dall’inizio dell’astensione (il termine, in tal caso, sarebbe il 16 febbraio), mentre la comunicazione preventiva alle segreterie delle commissione tributaria almeno 2 (due) giorni prima della data stabilita dell’udienza.

Ma si potrà anche dichiarare lo sciopero all’inizio dell’udienza come previsto dall’art. 4 punto a) del codice ordinistico.

Le sigle sindacali che hanno aderito sono:

ADC (Associazione Dottori Commercialisti) –AIDC (Associazione Italiana Dottori Commercialisti) – ANC (Associazione Nazionale Commercialisti) – ANDOC (Associazione Nazionale Dottori Commercialisti) – UNAGRACO (Unione Nazionale Commercialisti ed Esperti Contabili)– UNGDCEC (Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) – UNICO (Unione Italiana Commercialisti)

Sciopero commercialisti 2017: come comunicarlo ai clienti

Di seguito il testo con cui comunicare al cliente l’adesione allo sciopero fonte fiscoetasse.com:

” Gentile Cliente,
il giorno 5 gennaio 2017 è stata proclamata, dai sindacati di categoria dei commercialisti, l’astensione dalle attività.
La decisione dell’astensione è conseguente allo stato di grande disagio in cui versano gli studi, sui quali l’amministrazione finanziaria continua a riversare richieste di centinaia di  adempimenti inutili e farraginosi a carico delle  imprese e dei cittadini contribuenti.
I sindacati nazionali hanno a più riprese chiesto, in occasione dei Tavoli con il Ministero delle Finanze e con l’Agenzia delle Entrate, la revisione e la razionalizzazione del calendario fiscale ed hanno avanzato proposte di modifica in tal senso alla Legge di stabilità 2017 e al Decreto fiscale 193/2016, non ricevendo risposte sufficientemente soddisfacenti. Pertanto, in ottemperanza a quanto prevede il Codice di Autoregolamentazione delle astensioni collettive dalle attività svolte dai Dottori Commercialisti e dagli Esperti Contabili, si comunica quanto segue:
L’astensione avrà decorrenza dalle ore 24:00 del giorno 26.02.2017 e terminerà alle ore 24:00 del giorno 06.03.2017

e riguarderà le seguenti attività:

  •  Invio telematico delle dichiarazioni annuali IVA anno 2016
  • Rappresentanza in seno alle Commissioni Tributarie

Lo studio aderisce all’ astensione solo per le due attività sopra elencate, come previsto dall’ astensione  proclamata delle sigle sindacali di categoria, pertanto non verranno modificati gli orari di apertura e di chiusura dell’ufficio e saranno altresì espletate regolarmente tutte le altre attività dello studio. Le  nostre ragioni riconducono, ancor prima che alla tutela della nostra categoria, alla difesa dei diritti del contribuente ed in quest’ottica siamo certi che comprenderà le nostre ragioni.

Cordiali saluti”

Sciopero commercialisti 2017: come comunicarlo al giudice delegato

Di seguito il testo con cui comunicare al giudice delegato l’adesione allo sciopero:

“Ill.mo Sig. Giudice Delegato,
Il sottoscritto ……………………., Curatore del Fallimento in epigrafe,
PREMESSO

  •  Che in data 05.01.2017 è stata proclamata l’astensione collettiva da parte delle Associazioni  Sindacali dei Commercialisti in ossequio al Codice di Regolamentazione di Categoria pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 185 del 11.08.2014;
  • Che il  sottoscritto intende aderire a detta astensione non inviando le dichiarazioni IVA dei fallimenti di cui è Curatore nei termini,  così come previsto dalla proclamazione stessa;
  • Che le ragioni dell’astensione vanno ben oltre alla semplice richiesta di annullamento dei nuovi obblighi dichiarativi;
  • Che i nuovi adempimenti dichiarativi previsti  incidono in maniera stringente anche sulle stesse procedure concorsuali;
  • Che molte procedure sostengono costi professionali per tali adempimenti (non tutti i Curatori sono intermediari telematici);
  • Che tra le ragioni della proclamata astensione vi è quella di rivedere il sistema fiscale Italiano nel suo complesso attraverso una vera semplificazione, che preveda la rimodulazione delle scadenze, il conseguimento dell’equità del sistema, della certezza del diritto oltre il necessario riequilibrio dei rapporti tra fisco e contribuente;
  • Che il sottoscritto ritiene necessario aderire anche come Curatore all’astensione proprio in ragione dell’inutile aggravio che questi nuovi adempimenti comportano per tutte le procedure, anche in relazione ai danni patrimoniali per tali oneri;
  • Che per ulteriore garanzia nei confronti della procedura, con la presente si dà formale manleva, con diritto a trattenere eventuali sanzioni, che in via di ultima ipotesi potessero gravare sulla procedura, direttamente dal compenso finale;

COMUNICA
all’Ill.ma SV di aderire all’astensione collettiva proclamata dai sindacati dei Commercialisti.”

Sciopero commercialisti 2017: come comunicarlo alla commissione tributaria

Di seguito il testo con cui comunicare alla Commissione tributaria l’adesione allo sciopero e la conseguente astensione dalle attività:

“Al Presidente
della Commissione Tributaria
Provinciale/Regionale di ………….
Sezione ……………….

Alla Segreteria della Commissione Tributaria Provinciale/Regionale
di …………………………………..
Sezione ……………………………….
Oggetto: Astensione collettiva dall’attività degli iscritti all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili  ex lege 146/1990 come modificata dalla legge 83/2000 per i giorni dal 27 febbraio al 6 marzo 2017

Il sottoscritto ……………………., in qualità di difensore del ricorrente …………………………………  nella causa …………………………………………………………………….
PREMESSO

  • Che in data 05.01.2017 è stata proclamata l’astensione collettiva da parte delle Associazioni  Sindacali dei Commercialisti in ossequio al Codice di Regolamentazione di Categoria, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 185 del 11.08.2014;
  • Che detta astensione avrà decorrenza dalle ore 24:00 del giorno 26.02.2017 e terminerà alle ore 24: del giorno 06.03.2017 e riguarderà l’invio telematico delle dichiarazioni annuali IVA anno 2016 e la Rappresentanza in seno alle Commissioni Tributarie;
  • Che la Commissione di Garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali ha ritenuto legittima tale proclamazione, con missiva del 24.012017 inviata agli organi competenti;sciopero dei commercialisti.

COMUNICA
all’Ill.ma S.V. di aderire all’ astensione collettiva proclamata dai sindacati dei Commercialisti e chiede, pertanto, il rinvio della causa in epigrafe.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here