Home NEWS Lo stesso programma di politica economica che è sempre valido ,,, dopo...

Lo stesso programma di politica economica che è sempre valido ,,, dopo un anno… di fantapolitica

Il 25 maggio 2016 abbiamo scritto questo articolo http://www.rivistafiscaleweb.it/2016/05/25/programma-politico-del-movimento-professionisti-autonomi-pmi/

Lo riproponiamo pari pari, come si potrà vedere le cose che occorrevano 8 mesi fa, sembrano necessarie anche oggi, anzi urgenti.

Nulla è cambiato quindi dopo i danari pubblici spesi per l’expo, i 10 miliardi per gli 80 euro al mese, la riforma della scuola, la Salerno Reggio Calabria, le decontribuzioni del Job Act servite solo alle multinazionali..

50 miliardi spesi dall’ottimo Renzi … e siamo di nuove a chiedere le urgenze per salvare il Paese, salvare la gente alle soglie della povertà, salvare i malati che non possono curarsi, e SOPRATTUTTO pre-organizzarsi

per i grandi problemi che oggi vivono i Paesi del centro Italia per il devastante terremoto.

 

RISCRIVIAMO PER LA TERZA VOLTA CIO’ CHE SECONDO NOI OCCORRE PER I GIOVANI, I PENSIONATI, LE URGENZE PER I DISSESTI IDROGEOLOGI E SISMICI, PER PAGARE LE TASSE A DIRETTO

INCREMENTO DEI SERVIZI RESI ALLA POPOLAZIONE (SENZA CHE QUESTE PRENDANO ALTRE VIE).


 

risanare il paese in 7 anni.

imprese

1)      prestito veloce alle start up giovani fino a 35 anni attraverso il fondo di garanzia pubblico fino a 25 mila euro;

2)      riduzione irpef e contributi per tre anni per coloro che iniziano attivita’ di impresa o professionale.

3)      riduzione irpef dal 23 al 21% mediante eliminazione degli 80 euro al mese; stesso costo,,,ogni italiano avra’ 40 euro al mese in piu’ da spendere per rilanciare i consumi;

4)      via lo split payment illegittimo sulle fatture a enti pubblici.

debito pubblico

1)      ricostruzione dei movimenti di politici corrotti con recupero delle risorse sotratte a diretta riduzione del debito pubblico;

2)      rilascio dal carcere dei concussi dopo recupero delle risorse sotratte ai cittadini.

3)      vendita degli asset pubblici e degli immobili pubblici.

pil.

1)      riduzione irpef, ires e cuneo fiscale con forza del 5/6 per un anno attraverso condono, (soldi gia’ persi)

il buco di entrate del primo anno sara’ garantito per il secondo dall’aumento della platea dei paganti

attraverso l’aumento dei controlli fiscali non a campione

bensì one to one: tutti i cittadini una volta all’anno saranno chiamati a colloquio presso l’agenzia per

esporre i propri redditi , le proprie spese i propri acquisti di beni mobili e immobili.

2)      detenzione per chi evade oltre 10 mila euro;

3)      in generale al sud eliminazione assistenza ma investimento in formazione per creazione imprese.

4)      si a riduzione irpef no a riduzione irap in quanto remunerazione dei capitali investiti che creano piu’ utili.

5)      riduzione irpef – riduzione adempimenti fiscali doppi per appeal investitori stranieri.

comuni aziende produttive

attraverso la riconversione dei rifiuti; attraverso informazioni e sportello giovani, attraverso la propulsione

e incentivazione a fare impresa

magistratura ordinaria per il perseguimento degli evasori.

e molto altro pro cittadini la grande massa bistrattata.…

sostieni il map – clicca qui