Published On: lun, Feb 29th, 2016

Borse, inizio di settimana al ribasso

Borse, in picchiata Piazza Affari e tutti gli altri borsini europei

Borse, una partenza settimanale in rosso. Il listino italiano e tutti i mercati finanziari europei sono in caduta libera per un lunedì che non lascia presagire niente di positivo in vista dei prossimi giorni, dopo un’altra rovinosa caduta. A generare questo malumore globale dell’economia del continente, ci ha messo il becco anche la delusione per l’esito del G20, giudicato poco incisivo in termini di misure per il rilancio in maniera definitiva della debole crescita economica, ma anche per i tanti rinnovati malumori che aleggiano all’interno di una situazione negativa per il nuovo rialzo d’interesse negli Stati Uniti alla luce del Pil, che è stato migliore dalle attese.

Le borse europee non hanno aperto alla grande la settimana, e tutto questo a due settimane dall’importante meeting della Banca centrale Europea del prossimo 10 marzo, che potrebbe dare nuovi stimoli all’economia globale dell’Europa. Tra le principali borse europee scivola quella tedesca dove Francoforte ha aperto con la percentuale pari allo 0,98%. In Inghilterra, Londra si muove sotto la parità evidenziando un cedimento della percentuale pari allo 0,70%, mentre in Francia il listino di Parigi, segna l’apertura pari alla percentuale dello 0,76%. La situazione è di colore rosso anche a Milano, dove il mercato finanziario di Piazza Affari è al ribasso con il FTSE Mib che cade dello 0,62%. Sulla stessa linea ecco il cedimento per il FTSE Italia All-Share che retrocede a 18 .981 punti. In negativo anche il FTSE Italia Mid Cap che scende dello 0,42%, mentre il FTSE Italia Star è in ribasso dello 0,3%. La situazione vede in cima all’apertura di giornata Saipem che segna la percentuale del più 2,17% e sulla stessa onda c’è anche Fiat Chrysler Automobiles con la percentuale in salita dell’1,56%. Sul valutario Euro/Dollaro USA la posizione è mantenuta stabile su 1,093, mentre è in lieve rialzo l’oro che nella giornata di oggi aumenta a 1.230,1 dollari l’oncia. Il petrolio lascia sul parterre lo 0,34% Situazione Spread: resta stabile con la quota di 133 punti base. Con il rendimento del BTP decennale che trova la percentuale dell’1,48%.

Condividi:
Share

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Share