Borse, mercati asiatici in recupero

Borse, nonostante il rialzo, in Asia la situazione vede ancora la Cina in forte difficoltà

Borse, Dopo un mercoledì in negativo, i mercati asiatici sono in recupero, nonostante il Sell Off della Cina che trascina al ribasso anche Hong Kong. Sul versante Americano si assiste ad una chiusura positiva di Wall Street; l’indice Nasdaq è il migliore degli indici USA con un positivo dello 0,87%. Tra le borse asiatiche quella di Tokyo beneficia del calo dello Yen e recupera portando l’indice Nikkei a +1,45%, ancora meglio il più ampio Topix che si assesta a +1,79%.

Questo nonostante il pesante tracollo di Sharp che perde addirittura il 14,37%, dopo che è circolata la notizia dell’accettazione dell’offerta del’azienda di Taiwan Foxconn, conosciuta piuttosto negativamente per le condizioni di lavoro dei suoi lavoratori nelle fabbriche cinesi, che ha messo sul piatto ben 5,66 miliardi di euro per il salvataggio dell’azienda giapponese. In Cina si assiste a una caduta delle borse, con lo Shangai composite in calo del 6,41%, appena un poco migliore è lo Shenzen Csi300 con -6,14 di perdita mentre lo Shenzen composite crolla a -7,34% dopo un mercoledì chiuso in lieve negativo a -0,12%. Lo Shangai composite, da inizio anno ha lasciato sul campo il 22%. In questo quadro, Hong Kong è trascinata al ribasso, portando l’indice Hang Seng a -1,50%. Sidney, dopo un mercoledì in ribasso del 2,10%, recupera e chiude sostanzialmente piatto a +0,13%. Il petrolio oscilla tra la stabilità e il lieve rialzo, anche se ci sono preoccupazioni per l’aumento delle scorte. In questa situazione generale è evidente che i mercati asiatici si barcamenano e tutto sommato tengono abbastanza ma l’economia cinese continua a essere la spina nel fianco dell’Asia, rappresentando una fonte di preoccupazione per tutti; se, infatti, era la locomotiva dell’economia asiatica, ora pare che il governo di Pechino non riesca più a trovare metodi efficaci per intervenire sulla ripresa industriale, che è quella che ha ceduto e trascinato in rosso l’economia cinese davvero in netta difficoltà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here