Mef, la spending review funziona

Mef, nel 2015 risparmiati 18 miliardi

Mef, convince la spending review. Secondo i dati riportati sono stati 18 i miliardi risparmiati grazie ai vari tagli che sono stati concordati. Il Ministero del Tesoro precisa che la portata della spending review è stata applicata negli ultimi anni e che il tema è stato intrapreso e tornato di moda dopo l’allarme della Corte dei Conti, la scorsa settimana.

Il Mef ha precisato dei dati davvero molto confortanti per quanto riguarda i vari tagli, precisando che il Governo ha preso iniziative per la revisione della spesa pubblica che ha determinato il risparmio per 18 miliardi di euro lo scorso anno. Sempre secondo il Mef, queste iniziative, insieme a tutti i vari provvedimenti intrapresi con la Legge di Stabilità entrata in vigore lo scorso gennaio, per quest’anno di possono realizzare risparmi pari ad un totale di 25 miliardi. Questi risparmi in passato hanno consentito di finanziare delle misure di sostegno della crescita dell’occupazione in Italia e di questo il Mef è certo che la situazione potrà solo migliorare. Il Mef ha confermato anche che lo spirito del spending review, che in parole povere è la revisione della spesa pubblica, consiste in molto interventi che sono connessi ai cambiamenti dei meccanismi di spesa e degli assetti organizzativi delle amministrazioni pubbliche, con l’aumento dell’efficienza e della varia formula dei beni di servizio. Ma il Mef ha precisato che tutti questi necessari interventi non sono dei semplici tagli, come ad esempio nel caso della riduzione delle centrali di acquisto che da 35mila sono scese a 30mila, un dato da segnalare. Questo ottimo risultato della revisione può essere un buon tipo di risparmio netto che darebbe via libera alle risorse che il Governo ha messo nella propria strategia. Le risorse nuove dell’enorme spesa pubblica in questo momento ammonta alla grande cifra di 800 miliardi l’anno. Tutto questo rende per ora impossibile ridurre le molte spese pubbliche, come quelle relative alle pensioni, un argomento molto delicato in Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here