Home FISCO Corte Costituzionale, la firma leggibile? Non è necessaria

Corte Costituzionale, la firma leggibile? Non è necessaria

Corte Costituzionale, non sarebbe necessaria la firma leggibile se le comunicazioni vengono spedite tramite raccomandata

Corte Costituzionale, la firma leggibile, se le comunicazioni vengono spedite con raccomandata o raccomandata con ricevuta di ritorno, queste possono essere ricevute dal destinatario, da loro parenti e o conviventi o anche dal portinaio. Per ricevere la comunicazione, bisogna firmare l’apposito registro e il modulo di comunicazione di avvenuto ricevimento. La firma apposta, non deve necessariamente essere leggibile e può essere come abbiamo visto, anche di persona diversa rispetto al destinatario, mantenendo la validità legale di atto notificato a tutti gli effetti. Inoltre, può ricorrere il caso in cui la missiva venga recapitata al destinatario in luogo diverso da quello indicato dal mittente, per cui sul modulo di ricevuta, può risultare una difformità tra l’indirizzo oggetto di destinazione della raccomandata e indirizzo al quale la comunicazione è stata realmente consegnata e ricevuta dal destinatario.

La decisione della Corte di Cassazione emessa con ordinanza numero 924 del 20 gennaio 2016 stabilisce proprio che ai fini di ritenere non legittimamente intesa come consegnata al destinatario una raccomandata con firma illeggibile risultante è consegnata a indirizzo diverso da quello di destinazione, a nulla valgono detti rilievi, in quanto solo la dimostrazione del destinatario di non essere stato messo in grado di ricevere quanto a lui destinato, per validi e comprovati motivi, costituisce mancato recapito reale, cioè, fino a querela per falso, si intende comunque recapitata al destinatario una comunicazione che risulti consegnata dalla firma sul registro e sul modulo di ritorno, ancorchè non decifrabile. Questa decisione Cassa ogni velleità dei destinatari di disconoscere atti recapitati con varie motivazioni, più o meno fantasiose. D’ora in avanti, più nessuna scusa; se la raccomandata è stata recapitata o se giace alla casa Comunale o in giacenza postale, è come se ci fosse stata messa nelle nostre mani.