Istat, aumento della disoccupazione in Italia

Istat, secondo i dati statistici il rialzo sarebbe dell’11,4%

Istat, la statistica più forte del Paese aumenta. Dopo le varie rassicurazioni del Governo Renzi, preoccupa non poco il rialzo della percentuale pari all’11,4% del tasso di disoccupazione in Italia, con il nostro Paese che non riesce a diminuire una situazione in un settore sempre più indebolito dalla crisi economica che l’ha colpito qualche anno fa.

I dati. Istat registra un calo dello 0,9% rispetto al mese di dicembre di due anni fa, ma questo non colpisce i più giovani, con il tasso che è ai minimi per la categoria che passa tra i 15 e i 24 anni di età, con la percentuale pari al 37,9%. Secondo i dati emanati dall’Istat sul mercato del lavoro, i disoccupati nello scorso mese di dicembre è salito del 0,6%, pari circa a 18.000 persone, con la crescita di questo fenomeno negativo che riguarda in particolar modo i soggetti tra i 25 e i 40 anni di età. Dopo il calo che è arrivato negli scorsi mesi di settembre e ottobre , con la percentuale il ribasso dello 0,2%, e la successiva crescita dello scorso novembre con la percentuale pari allo 0,2%, l’ultimo mese del 2015 ha fatto registrare la percentuale degli occupati dello 0,1%, pari a circa 21.000 persone occupate. Il calo è determinato dagli indipendenti che è sceso di 45.000 unità, mentre sono cresciuti i dipendenti e soprattutto quelli permanenti che sono saliti a 31.000 unità, con il conseguente tasso di occupazione pari alla percentuale del 56,4%. In calo nell’anno appena passato è stata la disoccupazione giovanile, che ha visto un ribasso del 3,3%, con i dati statistici che lo rivelano, dove il tasso di disoccupazione diminuisce tra i 15 e i 24 anni di età, sono in calo dell’1,2% quelle unità comprese tra i 25 e i 49 anni di età, mentre questi soggetti che vanno dai 50 ai 64 anni di età il tasso di disoccupazione è salito dello 0,3%, un dato preoccupante per il settore del lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here