Padoan, tutti i punti sulla svolta per l’Italia

Padoan, il Ministro dell’Economia è certo che sia un anno giusto

Padoan e la promessa. Il Ministro dell’Economia è certo che quello in corso potrà essere un anno decisivo per l’Italia, visto che le sue parole sono state chiare: “L’Italia nel 2016 sarà più forte”. Nel convegno sul fisco a Monza, il Ministro dell’Economia è intervenuto a tutto campo e ha lanciato dei messaggi rassicuranti a tutti i cittadini italiani, che si aspettano ancora un cambio radicale da parte dell’economia.

Padoan ha dichiarato che se bisogna farsi un’idea di come va il mondo guardando solo il settore finanziario. L’Italia avrebbe una brutta immagine, anche se il nostro Paese sta migliorando sembra avere intrapreso la strada giusta. Il Ministro dell’Economia ha anche sottolineato il fatto che è arrivato il momento della svolta che sarà visibile su tre diversi fronti, visto che la crescita sarà più forte nel 2016, anche se viene considerata ancora modesta. Il secondo fattore secondo il Ministro dell’Economia è quella relativa al lavoro, con l’occupazione che sembra in crescita, mentre il terzo punto che Padoan ha voluto segnalare è quello che riguarda il debito, in calo. Il tema delle banche è quello più scottante dell’ultimo periodo e Padoan ha dichiarato che il sistema è solido ed è riuscito a migliorare, passando da situazioni con seri problemi a causa di una crisi profonda che ha portato alla perdita di dieci punti di Pil. Altro problema è quello relativo del settore che ormai è diffuso e che molte realtà a livello locale hanno bisogno di rafforzarsi. Il terzo punto riguarda la problematica del sistema bancario dove è sofferente il recupero. Padoan ha concluso il suo intervento dichiarando che la spending review sulle spese pubbliche è viva e vegeta e che continuerà nel tempo. Questo vuol dire che la strategia di riduzione delle tasse continuerà, ma che non ci saranno più ripensamenti e la copertura avverrà attraverso la riduzione degli sprechi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here