Home FISCO Agenzia delle Entrate, niente farmaci nel 730 precompilato

Agenzia delle Entrate, niente farmaci nel 730 precompilato

Agenzia delle Entrate, le dichiarazioni del direttore Rossella Orlandi. Polemica con Garante Privacy

 

Agenzia delle Entrate, non ci saranno farmaci nel 730 precompilato. Questo è quanto emerso dalle dichiarazioni del direttore delle Entrate, Rossella Orlandi, con il numero uno che fa riferimento alle detrazioni in forse sulle medicine. Il direttore delle Entrate ha annunciato che questo è un problema solamente a carico delle farmacie e per questo motivo si sta cercando n maniera convinta di arrivare alla riforma per trovare un modo significativo per rallentare il flusso dell’evasione fiscale.

Il direttore delle Entrate ha aggiunto che non esiste nessun Paese che è senza evasione fiscale e che l’Italia, in questa graduatoria, è uno degli Stati con livello alto e in questo momento sarebbe l’ora di cambiare marcia e di guardare nell’immediato all’adempimento. Ma è in arrivo una tegola non da poco per tutti i contribuenti. Non ci sarà nessun tipo di spesa farmaceutica nel 730 precompilato, con la Orlandi che aggiunge che il problema con le farmacie esiste, e alcune associazioni di categoria, nonostante la legge abbia dato un termine ben preciso, non hanno conservato da parte gli scontrini. La direttrice dell’Agenzia Delle Entrate ha aggiunto che il modello precompilato 730 è in un momento di grande sviluppo e che la fase è quella decisiva, dove si sperano di superare i problemi lievi rimasti da risolvere. L’Agenzia delle Entrate e il MEF hanno inviato solo in data 20 luglio 2015, per il previsto parere, il provvedimento attuato e relativo all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini di tutta l’elaborazione del modulo precompilato. In tutto questo l’Agenzia delle Entrate, ha fatto polemica con Garante Privacy con la prima che chiama in causa l’Autorità per i possibili problemi di concessione di una proroga per comunicare tutti i dati sulle spese mediche, con il Garante Privacy che non ne vuole sapere e vuole parlare di un’attuazione di responsabilità non fondata: la guerra è solo cominciata.