Home LAVORO Lavoro, un aiuto per l’occupazione dei giovani

Lavoro, un aiuto per l’occupazione dei giovani

Lavoro, se i giovani vengono aiutati dal mentore trovarlo è più semplice: ecco il progetto Mentee

Lavoro, un mentore per l’occupazione giovanile. Un gruppo di giovani ricercatori del centro studi Marco Biagi, l’Adapt, che ormai stanco delle varie statistiche sulla disoccupazione giovanile, che l’Istat ha emanato al 38,1% nel 2015, ha deciso di importare la figura del mentore, dato che un aiuto o una guida possono rendere tutto molto più semplice.

Questa geniale intuizione è ad opera di una piattaforma che mette in collegamento i giovani in cerca di lavoro e il potenziali mentori dal profilo professionale elevato, il Mentee. Il responsabile di questa importante iniziativa, Giulia Rosolen, spiega che studiando come funziona la transizione dei giovani al mondo del lavoro, ci si è resi conto di quanto sia importante avere una solida guida o una persona di riferimento anche solo per risolvere le cose più semplici, come ad esempio un curriculum o gestire un normale colloquio di lavoro: proprio per questo si è pensato al Mentee. La stessa Giulia Rosolen ha aggiunto che il nome Mentee è stato scelto visto che è il nome stesso che viene dato in America a chi viene dato alle persone che crescono seguendo la guida del loro mentore. Rosolen ha dichiarato anche che questo progetto nasce proprio dalla volontà di mettere al centro i giovani e il loro bisogno di essere guidati nel mondo del lavoro. A questo progetto si aggiunge Dario Pandolfo, il coautore, dichiarando che ci si è limitati a creare il luogo virtuale dell’incontro. I molto giovani che si iscrivono alla piattaforma ttendono di essere abbinati a dei professionisti o a degli imprenditori che hanno dato la loro disponibilità a svolgere questa funzione di guida. Sono figure senior che hanno una piccata attitudine di trovare un’occupazione, e l’obiettivo di ogni mentore è quello di trovare un’occupazione al giovane affidato. A pochi giorni dal via del progetto, la piattaforma ha visto già una cinquantina di persone che hanno dato la loro disponibilità per fare da mentore ai giovani.