FISCO NEWS

ISTAT, pensione in famiglia riduce il rischio di povertà

ISTAT, tutti i dati sulla pensione in famiglia

ISTAT, in quest’articolo andremo a valutare la situazione statistica della pensione in famiglia che riduce il rischio di povertà. Due anni fa in il Pil è calato dell’1,9%, i termini reali di povertà tra il nucleo famigliari con pensionati è stato stimato pari al 16,2% contro il 22,3% dei vari nuclei senza pensionamento. Tutto questo è il valore medio del reddito dei nuclei con pensionati più bassi di circa 2.000 euro rispetto a quelle famiglie senza pensionati con 28.400 contro 30.400 escludendo tutti i fitti figurativi. Le famiglie con pensionati sono stimati in 12 milioni 400.000 e per quasi due terzi delle stesse, pari al 63,2%, con tutti i trasferimenti pensionistici rappresentano la percentuale del 75% e un reddito totale disponibile del 26,5%.

L’ISTAT ha reso conto dei risultati molto significativi, che prevedono che la pensione in famiglia riduce il rischio di povertà. L’anno scorso l’età media di incasso dell’assegno è stata di 55,3 anni e nel biennio il numero di pensionati, è sceso di 134.000 unità. Le statistiche dell’ISTAT hanno segnalato anche che tra il 2013 e il 2014, i nuovi pensionati sono stati meno numerosi dei pensionati cessati. Il numero complessivo dei pensionati è sceso l’anno scorso a 16,3 milioni per un reddito medio previdenziale lordo di 17.040 euro, una somma totale positiva di 400 euro all’anno. Per quanto riguarda le donne la percentuale sale al 52,9% e ricevono in media importi di 6.000 euro inferiori a quelli degli uomini. Le pensioni delle donne sono anche più continue degli uomini, in quanto le donne in pensione sono quasi 3 su 10 con la percentuale del 29,9%, mentre le pensioni degli uomini hanno una percentuale del 19,2%, inoltre l’ISTAT ha calcolato che gli ultranovantenni sono di una percentuale del 6%, contro la percentuale del 2,4%. Questi tutti i dati che l’ISTAT ha emesso negli ultimi giorni, dove la pensione in famiglia rischia per davvero la povertà.

giuseppe merola

consulente

Lascia il primo commento

clicca qui per pubblicare il commento