Banca Etruria, il nuovo istituto donerà un anticipo di indennizzo a tutti i risparmiatori

Banca Etruria, ecco la prima novità dell’anno

Banca Etruria, i risparmiatori possono stare tranquilli, visto che il nuovo istituto donerà un anticipo di indennizzo a tutti i suoi risparmiatori, arrivati a quota 683. I risparmiatori dovrebbero ricevere fin da subito un fondo della cifra totale di 100 milioni, un indennizzo dopo il precedente fallimento e il conseguente salvataggio della Banca Etruria. Questa operazione del Governo ha però azzerato molti conti di tanti risparmiatori e portato anche al suicidio di un pensionato di 68 anni. Questo è il Governo di sinistra che continua ad essere eletto non dai cittadini ma dal precedente Presidente della Repubblica, che dopo Monti e Letta ha consegnato le chiavi di Premier al disastroso Renzi.

La soluzione è al vaglio del Ministero dell’Economia e di Bankitalia che riguarderebbero tutti coloro che a causa del fallimento di Banca Etruria ha praticamente perso tutto e nello specifico i risparmiatori che hanno investito di meno sull’istituto bancario, oltre il 50% del loro patrimonio sulle rischiose obbligazioni subordinate. Tutto questo è stato attuato per via anche della rocambolesca vicenda che ha visto coinvolte il padre del Ministro Maria Elena Boschi, che ha superato alla Camera nelle scorse settimane una mozione di sfiducia, presentata dal Movimento 5 Stelle. La questione decreti è ancora in alto mare e c’è da mettere in conto che l’affare Banca Etruria potrebbe anche risultare rischioso. Questa situazione però non riesce a soddisfare le associazioni dei consumatori, che ha definito parziali i rimborsi espedienti sia per arginare le proteste itineranti dei risparmiatori stessi, che epr evitare la fuga in massa dei depositi. Banca Etruria lancia questo appoggio ai suoi risparmiatori, anche se il lavoro da intraprendere per quest’anno è davvero tutto in salita, per un istituto bancario che è appena stato salvato con un decreto che ha diviso le classi politiche italiane con polemiche molto gravi e con conseguenze tutte ancora da capire in pieno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here