Salva-banche, la lettera riservata

Salva-banche, sarà pubblicata oggi la lettera riservata all’UE che bocciò la linea morbida

Salva-banche, ecco la lettera riservata. Dovrebbe essere la giornata di oggi quella decisiva per la pubblicazione della lettera riservata all’UE che bocciò la linea morbida. La pubblicazione dovrebbe arrivare sul sito del Ministero dell’Economia, in cui i commissari UE alla Concorrenza e alla Stabilità che sono Margrethe Vestager e Jonathan Hill, hanno sollevato delle forti obiezioni all’uso del Fondo interbancario di tutela dei depositi nei casi delle banche Etruria, Marche, Cari Chieti e Cari Ferrara.

Il parere dei due Commissari sarebbe stato quello di un aiuto di Stato, secondo il quale la stessa Commissione avrebbe bocciato la prima ipotesi del Governo, cioè quella di un salvataggio che non poteva colpire azionisti e obbligazionisti, di cui i titoli erano già stati svalutati. La prima idea era quella di creare un decreto per salvare le quattro banche senza dover colpire i vari risparmiatori, tramite le risorse del Fondo interbancario. In ambito europeo però ogni tipo di intervento pubblico di sostegno è stato sottoposto a vincoli trattabili comunitari in pieno controllo della Commissione. Il Salva-banche è così pronto al piano salvataggio tra mille dubbi e problemi creati dalla Commissione che non accetta tali condizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here