Home FISCO Dichiarazioni omesse o irregolari: sanare entro il 29 dicembre con meno sanzioni...

Dichiarazioni omesse o irregolari: sanare entro il 29 dicembre con meno sanzioni ridotte.

Ancora 2 giorni per sanare Dichiarazioni infedeli e tardive, quindi entro il 29 di dicembre 2015 usufruendo del nuovo ravvedimento operoso con meno sanzioni.

Dichiarazioni omesse o irregolari: sanare entro il 29 dicembre con meno sanzioni ridotte.

La legge stabilità 2015 (dell’anno scorso Dl 19o/2014) ha modificato profondamente le norme sul ravvedimento operoso, in materia di dichiarazioni infedeli o tardive.

Rispetto all’ordinario termine del 30 settembre 2015 per spedire le dichiarazione dei redditi entro 90 giorni ossia entro il prossimo 29 dicembre si potranno sanare due ipotesi diverse di irregolarità nella presentazione delle dichiarazioni scindendo due casi diversi:

  • la presentazione di dichiarazioni integrative, che modificano i redditi e le imposte dichiarate rispetto a quelle già presentate;
  • e la presentazione di dichiarazione tardiva mai spedita.

Nel primo caso, di presentazione integrativa rispetto a quella già presentata, pur modificando i tributi dovuti,  si prevede la regolarizzazione  entro  90 giorni dall’ordinario termine con il versamento di sanzione di 28 euro con codice 8911 2015 sez. erario  (1 nono della sanzione minima di euro 258 euro). Ovviamente andranno versate le maggiori imposte con il ravvedimento f24 con sanzione per tributo e maggiorazione degli interessi.
Nel caso invece di dichiarazione omessa e presentata la prima volta entro 90 giorni dal termine ordinario, i contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione, per effettuare ravvedimento valido devono invece:

presentare la dichiarazione unico 2015 versando la sanzione pari a 25 euro (1/10 della sanzione di euro 258) e versare imposte e interessi in caso di tardivo/omesso versamento di tributi.

Il contribuente dovrà anche pagare la sanzione per omesso versamento (pari al 30% della somma non versata) ma ridotta al 3,75% secondo le norme previste dall’art. 13 del d.lgs. N. 472/1997, in ragione della data di versamento.

La presentazione della dichiarazione oltre detto termine del 29 dicembre 2015 si è in presenza di dichiarazioni infedelmente presentate, e il ravvedimento invece dovrà includere la sanzione maggior per infedele dichiarazione.