FED, Il punto della situazione

FED, ecco il punto su questa situazione non ancora chiara

La FED ha posto fine all’era del tasso zero. Dopo 9 anni e indugi negli ultimi mesi, i mercati erano in attesa di capire come si sarebbe mossa la FED, la quale ha infine rotto gli indugi e ha innalzato i tassi. E’ stata una decisione che lascia più di una perplessità, in quanto arriva in una condizione inflattiva vicinissima allo zero e con previsioni analoghe per il futuro prossimo. Le obbligazioni subordinate di cui nessuno se non gli addetti ai lavori avevano forse mai sentito nominare, e che hanno provocato la rovina di centinaia di famiglie, è al centro di una proposta di Bankitalia che vorrebbe proibirne la vendita. Come sempre gli interessi di parte ci mettono lo zampino. Possono le banche rinunziare a una importante fonte di approvvigionamento del valore di circa 74 miliardi di Euro? Ecco,allora la proposta: informiamo sui rischi! Del tipo: “il fumo uccide” (e lo Statoci guadagna). Se muori, “te lo avevo detto”!

La conferenza sul clima si è conclusa con importanti impegni per gli Stati mondiali, che tutti insieme, nei prossimi 15 anni si sono impegnati a realizzare investimenti e rinnovo tecnologico per un valore di ben 16,5 Trilioni di dollari, portando a nuovi modelli di sviluppo nel maggior rispetto del clima. Il sussidio pubblico di supporto al trasporto ferroviario dovrebbe essere destinato maggiormente al ceto meno abbiente, mentre accade troppo spesso che a usufruirne maggiormente siano persone del ceto medio alto. Sarebbe opportuno rivedere i meccanismi che regolano questo sussidio e fare anche una analisi, ad oggi totalmente assente, sulla sua efficacia sociale. Nelle erogazioni di assistenza sociale, le risorse destinate al sostegno alle famiglie vanno per il 20% ai benestanti, i quali usufruiscono anche il 18% delle risorse per il contrasto alla povertà. Oltre 4 milioni di persone in povertà assoluta non ricevono nulla. Tutto ciò è in perfetta coerenza con la gestione della destinazione dei famosi 80 Euro di Renzi. I contratti di lavoro si sono trasformati, in una certa quantità, da precari a tempo indeterminato. Poichè la motivazione base per abolire il famoso art.18 era che questo costituiva un ostacolo, avremo modo di valutare se era veramente così o se la trasformazione dei contratti è stata dovuta alla decontribuzione,dato che dal primo gennaio la decontribuzione diminuisce ma le tutele crescenti del Jobs act restano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here