Voluntary disclosure, le notifiche dal 2016 solo via PEC

Voluntary disclosure, ecco tutte le notifiche dal prossimo anno che avverranno via PEC

A partire dal prossimo anno, le notifiche relative alle istanze di adesione alla Voluntary disclosure, avverranno unicamente via Posta Certificata. Unica eccezione possibile è rappresentata dalla eventualità che l’indirizzo di PEC del professionista cui è destinata la notifica sia inattiva o irraggiungibile. In questo caso l’Agenzia delle Entrate provvederà alla notifica attraverso le modalità tradizionali. Questa decisione è stata adottata per evitare che disguidi o ritardi nelle notifiche tradizionali comportassero problemi nella gestione delle pratiche. Il professionista attraverso cui è stata avviata la presentazione di adesione alla Voluntary disclosure, diventa, quindi l’anello fondamentale di collegamento tra l’Ente fiscale e il contribuente, essendo impegnato a ricevere la notifica e trasmetterla tempestivamente al proprio cliente.

La notifica stessa si intende perfezionata solo al momento in cui l’Agenzia delle Entrate riceve la ricevuta di accettazione. A partire dal 10 novembre di quest’anno, la gestione delle comunicazioni è stata assegnata al centro operativo di Pescara, che diventa,di conseguenza il punto di riferimento per inviare le istanze,termine scaduto il 30 novembre, e la documentazione integrativa relativa alle istanze presentate in tale intervallo di tempo. Ricordiamo, comunque, l’indirizzo telematico di comunicazione con il centro operativo di Pescara che è: vdcop@postacert.agenziaentrate.it. Si puntualizza che eventuale documentazione integrativa o comunicazioni riguardanti le istanze presentate prima del 10 novembre dovranno essere sempre indirizzate all’Ufficio territoriale competente cui era stata indirizzata l’istanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here