IRAP, assoggettamento ai medici

IRAP, l’imposta sulle strutture è un assoggettamento dei medici

In tema di assoggettamento all’IRAP dei medici che lavorano in convenzione con il Sistema Sanitario si è espressa la Corte di Cassazione con una sentenza che fa finalmente chiarezza su un tema da tempo dibattuto che ha visto contrapposti da un lato i medici in convenzione col Sistema Sanitario, dall’altra l’Agenzia delle entrate. La sentenza stabilisce una volta per tutte che i medici i cui redditi siano derivanti almeno per il 75% dall’attività in convenzione, non sono tenuti all’assoggettamento all’IRAP. Più nello specifico, è chiarito che è ininfluente l’entità del reddito, così come la considerazione delle spese connesse allo svolgimento dell’attività, compresi i compensi a terze persone.

L’Agenzia delle Entrate aveva da sempre espresso la posizione che riteneva lo studio stesso e il valore delle attrezzature ivi presenti ininfluenti rispetto all’imposizione IRAP ma che l’avvalersi di collaboratori riportava il medico nella condizione di essere sottoposto a tale imposta. La Suprema Corte, ha motivato, invece, che avvalersi di terze persone è un mezzo per migliorare la propria prestazione professionale anche nell’ottica di fornire migliori servizi ai propri pazienti e per questo avere una segretaria o un’infermiera alle proprie dipendenze deve essere ininfluente rispetto all’IRAP. Questa sentenza chiaritoria segue un’altra recente sentenza su un tema che vedeva ancora una volta contrapposti i medici e l’Agenzia delle entrate, questa volta sull’obbligo da parte dei medici di presentare dichiarazione dei redditi, dando, anche in quella occasione ragione ai medici contro le motivazioni dell’Ente fiscale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here