TASI, tutte le caratteristiche della tassa più alta dell’anno

La TASI è l’imposta più alta dell’anno dove ogni cittadino deve versare una cifra sempre più alta

La tassa più elevata che ogni cittadino italiano odia pagare alla fine dell’anno corrente è quella relativa alla TASI. Su questa imposta Berlusconi era stato chiaro in quanto ritiene la prima casa come sacra e quindi da abolire e non da pagare. Ma gli ultimi Governi che si sono succeduti, tra Monti, Letta e l’attuale Renzi, hanno sempre più aumentato una tassa che sta diventando un vero e proprio incubo per le persone in possesso di un immobile proprio. La TASI è una tassa per qualsiasi persona possieda o detenga a qualsiasi titolo un immobile soggetto al tributo e in particolare le persone che subiscono questa imposta sono tutti quei cittadini che possiedono un immobile a titolo di proprietà, usufrutto, uso abitazione oppure tutte le persone che detengono immobili attraverso un contratto di locazione oppure di comodato.

L’articolo 1 della nuova Legge di Stabilità dell’anno passato, stabilisce che in ogni caso di pluralità di possessori o detentori di immobili, sono tenuti in solido dell’adempimento dell’unica obbligazione tributaria. La seguente legge ha generato molte perplessità dei tanti comproprietari, visto che il Ministro dell’Economia e delle finanze ha fornito delle serie risposte a questa brutta situazione lo scorso 3 giugno. Il Ministro si è soffermato sui seguenti punti: il primo riguarda che ogni possessore di un immobile deve pagare la TASI in base alla propria quota di possesso, valendosi dell’applicazione dell’aliquota relativa alla propria condizione; il secondo punto sottolineato dal Ministro dell’Economia e delle finanze riguarda quella la prevista solidarietà che consente al Comune di rivolgersi indifferentemente all’uno o all’altro soggetto coobbligato per l’incasso dell’intero debito tributario. In questo caso si ipotizza che il Comune ha fissato così un’aliquota che prevede due situazione dove nella prima l’aliquota prevede il 3 per mille per l’abitazione principale, mentre nella seconda prevede lo zero per mille per gli altri immobili in possesso dal proprietario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here