Esportazione fattura elettronica.

63

Abbiamo scritto questo articolo a beneficio di tutti coloro, che come noi, si sono trovati o si trovano di fronte alla necessitá di passare da una piattaforma a un’altra per la conservazione della fattura elettronica  per i motivi piú diversi.

È bene precisare, senza entrare troppo nei dettagli, che il sistema di interscambio SID, è un sistema unico, che ha dettato le regole tecniche per l’emissione e conservazione delle fatture elettroniche emesse.

Il sistema prevede che ogni fattura elettronica sia conservata in una cartella zippata composta da tre file: la fattura in formato xml.p7m firmata digitalmente, un file di notitica xml, e un file di accettazione sempre in formato xml.

Proprio cosí siamo riusciti a trasferire le fatture elettroniche già emesse da una piattaforma a un’altra.

Nel nostro caso, l’utilizzo della nuova piattaforma comportava (ai soli fini di conservazione) il caricamento di questo file .zip dall’altra piattaforma dismessa.

Il problema è nato perché i migliaia di gestionali che erogano tale servizio, mentre spiegano benissimo come importare e conservare una fattura elettronica già emessa da altri, non spiegano mai come poterla esportare al contrario verso altri gestori, e ciò per evidenti motivi di perdita di clienti.

(Questo perchè all’inizio tutte le migliori case software hanno erogato gratuitamente il servizio, senza spiegare come sarebbe stato il prosieguo a pagamento, e poi si è scoperto di essere rimasti incastrati in quanto non aderendo al servizio a pagamento, si perdeva la conservazione decennale).

MA SI PUO’ FARE…. E SAREBBE GIUSTO CHE LE CASE GESTIONALI CONCEDESSERO LA POSSIBILITA’ DI ESPORTARE FACILMENTE LE FATTURE DI CHI VUOLE UTILIZZARE ALTRA PIATTAFORMA.

Non solo, nel nostro caso i tre file occorrenti , l’abbiamo dovuti scovare da varie sezioni del sito dismesso (peraltro il piú famoso LEGALINVOICE), copiarli in un cartella, e dopo averla zippata con estensione .zip importare nella nuova piattaforma… cgn.

Dopo aver perso un giorno di lavoro per chiamare inutilmente l’assistenza delle due piattaforme, solo im tarda serata, siamo andati a verificare come il sistema Sid accetta le fatture elettroniche.

Dopo aver capito che il sistema Sid prevede un file zip per ogni fattura composto da tre file xml (un xml di fattura firmata 7pm, xml, uno  di ricevuta e un xml di notifica) siamo andati a recuperarli manualmente sul vecchio sito, per poi caricarli in una nuova cartella, zipparli e importarli la cartella sulla nuova piattaforma.

Quindi ricordate; occorre  un cartella zip per ogni fattura e all’interno della  quale ci devono essere 3 file.

Procedura per la conservazione:

  • creare una cartella vuota sul desktop con nome [fattura 1 rossi];
  • recuperare dalla vecchia piattaforma il file fattura firmato con estensione xml.p7m e copiarlo nella cartella sopra;
  • poi il file di notifica di solito 0000x.xml;
  • E il file di accettazione 0000×1.xml
  • selezionare i tre file con shift frecce, poi tasto destro —> invia a cartella compressa.
  • Fatto. A questo punto andare sulla nuova piattaforma e importare per sola conservazione.

Abbiamo conservato e riaperto una fattura elettronica sulla nuova piattaforma.

Se hai difficoltà scrivici: le case software che hanno distribuito gratis il sistema avevano un altro scopo. Non permettere di cambiare piattaforma e perdere il cliente .. info@rivistafiscaleweb.it

Scrivi la tua sull'argomento .......!