Tasse sugli immobili: 9 miliardi dall’ICI, 25 miliardi da IMU e TASI. Ma la situazione del Paese è sempre di estremo rischio.

Oggi il puntuale redazionale di Salvatore Padula sul “Sole 24 ore” del 29 giugno 2015, a pochi giorni dalla incompleta riforma fiscale, pone l’accento sui rischi della abnorme fiscalità sugli immobili.

Nel 2011 gli introiti tributari per i Comuni valevano 9 miliardi a titolo di ICI sugli immobili.

Dopo 3 anni, nel 2014, le entrate derivanti dagli immobili hanno superato, solo per la parte patrimoniale, ossia per IMU E TASI i 25 MILIARDI (senza imposte sui redditi).

Per imposte patrimoniali,  siamo passati quindi dai 9 miliardi esborsati per ICI nel 2011, ai 25 miliardi per IMU E TASI nel 2014 e questo sarà simile anche nel 2015. Molti senza reddito proprietari di immobili ricevuti in eredità costretti a disfarsene a basso prezzo.

Soldi sottratti ai contribuenti, e ai consumi, per una crisi gestita malissimo, dove MONTI insiediatosi con un debito pubblico a 1981 miliardi nel novembre 2011, dopo aver introdotto IMU, MINORI DEDUZIONI SUGLI AFFITTI di immobili per uso abitativo, MINORI PENSIONI, MINORI DETRAZIONI E VIA DICENDO, oggi ci ha fatto ritrovare con un debito pubblico ancora più impressionante che sfiora i 2200 miliardi. Circa di 300 miliardi maggiore.

A cosa è servita la famosa manovra lacrime e sangue?

Con questo scenario, la riforma del catasto e degli estimi degli immobili, potrebbe rincarare ancor di più le imposte patrimoniali sugli immobili , e ciò non sarebbe sopportabile finanziariamente in quanto già lo è adesso.

42 miliardi, di cui 25 solo imposte patrimoniali per IMU e TASI, sono già enormemente eccessive, senza peraltro produrre risultati, con un settore quello degli immobili da sempre trainante dell’economia del Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here