Tasse non calano, confermata tripla B da Standard & Poor’s.

La matematica non è un opinione per chi pensa di poter muovere i numeri con le parole. La prova è la tripla B, confermata da Standard & Poor’s al nostro Paese.

A supporto di questa sarcastica asserzione (per la quale ci scusiamo) è intervenuta l’Agenzia di Rating “Standard & Poor’s” che ha confermato all’Italia la tripla B  sostenendo che la “non promozione” è dovuta al minimo  miglioramento del deficit al 2,6% programmato, favorito dal taglio dei tassi da parte della BCE più che dal miglioramento dell’avanzo primario.

Una politica sterile, dice Standard & Poor’s,  che senza azioni forti sulla spending review (fino ad ora solo a danno dei servizi ai cittadini ndr)  non conferisce alcuno spazio alla riduzione delle tasse (vera necessità urgente del problema italiano di oggi e di domani).

Nel breve termine infatti  non solo non ci sarà alcun taglio delle tasse, bensì il loro aumento, con l’IVA al 25%, e il buco (da colmare) del rimborso delle pensioni che il Governo pensa di bypassare con azioni distrattive.

L’Agenzia di Rating Standard & Poor’s ha fotografato perfettamente la situazione finanziaria italiana, in due battute eloquenti, dove la spending review, occorrente per la riduzione del carico delle tasse, fino ad ora è stata solo azione velleitaria a danno degli stessi cittadini, e di fatto, circolazione di maggiori tasse attraverso vasi comunicanti, che non cambiano la direzione del Paese ma incrementano ancora il carico fiscale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here