Published On: ven, Lug 11th, 2014

Rateizzazione delle tasse per chi trasloca all’estero.

Le tasse oltre a essere abnormi stanno diventato un problema sociale oltre che economico. Si da il via quindi alla exit tax, ossia alla sospensione e rateizzazione dei debiti tributari in 6 anni, per coloro che trasferiscono la residenza in altro paese UE.

Infatti lo scorso 8 luglio 2014, è stato pubblicato in GU il decreto del Ministero dell’Economia e Finanze, che dispone l’attuazione del sistema  di tassazione (cd. exit tax) per le aziende italiane che cambiano la residenza fiscale in altro Stato dell’UE o in Stati aderenti all’accordo sullo Spazio economico europeo, con i quali l’Italia ha ACCORDO di reciproca assistenza in merito alla  riscossione dei crediti tributari.

Il regime della exit tax consente di esercitare l’opzione per la sospensione o la rateizzazione delle imposte sui redditi da versare:

sulle plusvalenza latenti  in base al valore normale del complesso aziendale, non confluiti in una stabile organizzazione in Italia.

Il decreto de qua sostituisce la precedente disposizione del Dm 2 agosto 2013, in riguardo ai trasferimenti di residenza che avvenivano in una anno che iniziava successivamente a quello della sua pubblicazione in GU (cioè dal 2015).

Con il decreto appena pubblicato è stato prevista la rateizzazione in 6 rate annuali costanti e  non più in dieci.

Per i trasferimenti precedenti la rateizzazione avviene in sei rate sull’ammontare di residuo debito.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Condividi:
Share

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Share