Home FISCO Le rimanenze di magazzino: criteri di valutazione in vista del bilancio 2013.

Le rimanenze di magazzino: criteri di valutazione in vista del bilancio 2013.

CONTABILITÀ e VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE DI MAGAZZINO.

CRITERI di VALUTAZIONE

In prossimità della chiusura dei bilanci dell’anno 2013, ripercorriamo sinteticamente le norme che ineriscono alla valutazione e iscrizione in bilancio delle rimanenze di magazzino soggette a  tassazione, per pareggio dei costi di acquisizione e invenduti.

Le disposizioni in essere,  in riferimento alle rimanenze di magazzino,  obbligano esclusivamente alla loro iscrizione in bilancio:

  •  per un valore non inferiore a quello determinato dall’applicazione delle norme  che assoggettano a tassazione una maggiore valutazione delle rimanenze medesime.
  • per un valore minore del costo storico; nel qual caso occorre effettuare una ripresa a tassazione della differenza rispetto al costo storico.
Esempio di maggiore valutazione:
Valore a costo storico = 100.000 euro
Maggiore valutazione = 120.000 euro
Iscrizione in bilancio e in dichiarazione pari a 120.000 euro, importo che sarà soggetto per intero a tassazione.
Esempio minore valutazione:
Valore a costo storico = 100.000 euro
Minore valutazione = 90.000 euro
Iscrizione in bilancio pari a 90.000 euro, con obbligo di  ripresa a tassazione in dichiarazione fiscale della minor valutazione pari a  10.000 euro.

Tale disposizione non rileva per le rimanenze di immobili, autoveicoli ed in genere per tutti i  beni di notevole valore che sono da imputare in bilancio secondo il costo specifico.

Per tali beni una maggiore valutazione non sarà da assoggettare a tassazione.

1. CATEGORIE OMOGENEE.

Per le merci di categoria omogenea diverse da immobili, autoveicoli e impianti, ecc… vale il criterio LIFO, Last In First out (Ultimo ad entrare e primo ad uscire) tramite il costo medio ponderato per categorie omogenee, come detto con criterio LIFO a tranche annuali.

1.1 INCREMENTI DI RIMANENZE.

Le rimanenze di merci acquistate in anni precedenti sono valutate allo stesso importo già determinato per gli stessi periodi d’imposta. Invece le merci acquistate nell’anno d’imposta e residuate in magazzino sono valutate al costo medio ponderato.

1.2 RIDUZIONE  DI RIMANENZE.

In caso di riduzione delle merci di magazzino si considerano vendute le rimanenze finali acquistate per ultime  (LIFO).

2. RIMANENZE VALUTATE A COSTI SPECIFICI.

Prevista la valutazione al costo specifico per quei beni di valore unitario rilevante, quando non è  possibile la determinazione del valore complessivo per categorie omogenee come ad esempio già detto degli immobili costruiti in economia e simili.

3. SVALUTAZIONE AL VALORE NORMALE.

Ai sensi dell’art. 9 del DPR 917/86 quando il valore unitario medio dei beni di una categoria omogenea valutato al costo storico  è superiore al valore medio normale calcolato per l’ultimo mese del periodo d’imposta,  il minimo valore dichiarabile sarà uguale al valore normale unitario  per l’intera quantità in rimanenza, non considerando l’esercizio in cui le merci sono state acquistate.

Il valore normale è uguale al prezzo medio praticato, mentre  i servizi simili di libera concorrenza nel tempo e nel luogo in cui i servizi sono stati acquisiti o prestati oppure nel tempo e nel luogo più prossimi in mancanza di dati precisi.

Per la determinazione del valore normale (quando possibile)  occorre  fare riferimento alle tariffe o ai listini dell’impresa che ha fornito i beni o i servizi. In mancanza ai listini delle Camere di commercio e alle tariffe professionali d’uso.

La valutazione al valore normale resta efficace anche per gli esercizi successivi salvo che nel bilancio non venga ripristinato un valore superiore.

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 78/E/2013   ha chiarito  che la svalutazione delle rimanenze di immobili, grandi impianti, e simili, effettuata sulla base del loro valore normale nell’ ultimo mese dell’anno di riferimento, non avrà rilevanza fiscale.

Le imprese edili  che valutano i propri immobili, per obblighi civilistici, per importi inferiore ai costi al fine di considerare l’eventuale  minore valore di mercato, dovranno recuperare a tassazione la differenza. Questo fino alla data di cessione notarile, che potrà determinare una perdita sulla singola operazione. 

CATEGORIE OMOGENEE

La valutazione delle rimanenze di magazzino deve essere effettuato  per raggruppamento dei beni di categorie omogenea «sia per natura che per valore». È consentita la valutazione per singolo articolo, quando l’impresa abbia il sistema per determinarne con certezza il singolo valore.

La valutazione per categorie omogenne deve essere effettuata per beni dello stesso genere anche se di diverso tipo, ma con ugulae  uguale valore unitario.

(Visited 12 times, 1 visits today)

#giuseppemerolasapri #federalismosud #commercialistasapri @rivistafiscalew
Dai un’occhiata ai MODELLI pronti all’uso...
Leggi la Guida al Modello Scarica
PERIZIA DI DANNO EMERGENTE E LUCRO CESSANTE – Modello unico nel genere, con cui potrai elaborare una perizia di stima secondo le norme vigenti e secondo la migliore giurisprudenza per chiedere il ---risarcimento per danni economici subiti da terzi---
€46.90 – 
RICORSO CONTRO AVVISO RETTIFICA VALORE TERRENI – Modello già scritto a perfetta regola d’arte per ottenere «annullamento avviso di rettifica». Contiene migliori ---- SENTENZE DELLA CASSAZIONE ---- che hanno affermato ILLEGITTIMITÀ presunzione medie di altri immobili venduti
€36.90 – 
CONTRATTO DI FINANZIAMENTO TRA SOCIETA' E PRIVATO NON SOCIO - Anche le società commerciali possono acquisire finanziamenti da privati non soci e quindi - per eccezione EFFETTUARE raccolta di risparmio – quando IN CONTRATTO ne sia indicata «natura e destinazione». Tutto legale e previsto dalla Delibera C.I.C.R. - Banca D'Italia - menzionata nel nostro modello qui scaricabile «unico nel suo genere»
€56.90 – 
CONTRATTO DI LOCAZIONE CON CEDOLARE SECCA - PROFORMA di contratto con cedolare secca “pronto” per la stipula, garantito da professionisti nel settore immobiliare
€6.90 – 
MODELLO RICORSO RIMESSIONE IN TERMINI RICORSO TARDIVO – Modello Ricorso che ha ottenuto accoglimento di appello dopo diniego in primo grado per inammissibilità in quanto prodotto dopo la notifica a familiare del destinatario al quale successivamente non era stato notificato il CAN.
€29.90 – 
CESSIONE DI QUOTE SOCIALI - contratto di vendita di partecipazioni in srl, con cessione anche del credito del cedente per ---finanziamento soci---
€19.95 – 
----------CONTRATTO DI INCARICO PROFESSIONALE PROGETTISTA COSTRUZIONI O RISTRUTTURAZIONI--------- Modello reale di incarico professionale realizzato per opera di progettazione di «elevato importo». Previsione Economica DI OGNI EVENTO accadi bile durante l’esecuzione della prestazione tecnica. Modello unico introvabile, equilibrato tra interessi del committente e quelli del progettista
€76.90 – 
RICORSO AVVERSO AVVISO DI INTIMAZIONE EQUITALIA - Proforma di opposizione tributaria --- Unico nel suo Genere --------------- realmente utilizzato e con cui si è ottenuto sospensiva dell’espropriazione forzata a seguito di notifica irregolare di cartella Equitalia. 16 pagine di perfetta regola d’arte. --- Contiene migliori sentenze della cassazione --- che hanno affermato illegittimità notifica cartella
€36.90 – 
RICORSO CONTRO ACCERTAMENTO MAGGIOR RICARICO CONTIENE MIGLIORI SENTENZE A SUPPORTO ANNULLAMENTO
€16.90 – 
COMPROMESSO DI VENDITA IMMOBILE. Contratto di vendita immobile – in preliminare. Con il nostro modello pre-compilato non avrete rischi di errori nella stipula
€9.50 – 
CESSIONE DI AZIENDA - modello di contratto per la ----------cessione di azienda ---------------- con stipula di compromesso a perfetta tutela giuridica di compratore e venditore
€16.90 – 
CONTRATTO DI LOCAZIONE CON CEDOLARE SECCA TRANSITORIO – completo e pronto per la stipula con articoli e clausole già inseriti. Contiene opzione per cedolare secca, richiamo normativa per deroga al periodo minimo di 4 anni con perfetta tutela giuridica proprietario.
€16.90 – 
CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE COMMERCIALE – Proforma completo e pronto per la stipula con articoli e clausole già inseriti. Perfetta tutela giuridica proprietario
€16.90 – 
COMODATO USO GRATUITO ABITATIVO A NON FAMILIARI
€4.90 – 
COMODATO MODALE IMMOBILI STRUMENTALI – MODELLO UNICO NEL SUO GENERE – LOCAZIONE GRATUITA DI IMMOBILI STRUMENTALI CON SENTENZE CHE ESCLUDONO ELUSIONE FISCALE
€16.90 – 
contratto di associazione in partecipazione solo lavoro
€19.90 – 
contratto con collaboratore esterno allo studio.
€7.90 – 
affitto di azienda
€9.50 – 
perizia stima ramo di azienda
€6.90 – 
parcella automatica
€4.90 – 
atto costitutivo e statuto associazione sportiva dilettantistica
€15.00 – 
perdita superiore al capitale sociale
€6.99 –