Home ECONOMIA L’evasione ha salvato il Paese, Debito a + 5%, PIL – 1,9%,...

L’evasione ha salvato il Paese, Debito a + 5%, PIL – 1,9%, spese per alimenti – 2,6%.

La nota dell’Istat riporta i dati macro-economici economici nefasti del 2013 italiano, ma il trend negativo sembra confermarsi anche nel 2014, solo l’evasione ha salvato gli italiani.

Per fortuna degli italiani sono solo dati formali quelli diramati dall’Istat in quanto evasione e nero aumentano.

Il Prodotto interno lordo nel 2013 si è fermato a 1560 miliardi -1,9% rispetto al 2012;
Il debito pubblico 2013/2012 è salito di oltre il 5% al 132,6% del Prodotto interno lordo; e nei primi due mesi del 2014 è salito ancora al 133,7% come comunicato dalla commissione UE.
Persino i consumi alimentari nel 2013 scendono del 2,6% rispetto al 2012.
Anche la pressione fiscale scende al 43,8% fa solo per effetto della recessione e della progressività dell’imposizione.

Questi i dati della palude da cui uscire; tra l’altro l’andamento 2014, oltre al debito che continua a salire non sono incoraggianti: il fabbisogno di spesa pubblica a febbraio 2014 è stato di 12,8 miliardi contro gli 11,845 miliardi di febbraio 2013, con il saldo attivo che scende di circa 1,3 miliardi.

Nota: è palese che aumentare le tasse come l’Iva al 22% ha creato nuova evasione, e quindi fatto scendere le entrate tributarie;
È evidente come le Super Tasse sulla casa abbiamo fatto scendere la compravendita di immobili ed aumentare l’evasione ed elusione nel settore, con cambi di residenza incredibili, il marito vive a Milano (sulla carta) e la moglie a Palermo (insieme al marito);
È lapalissiano che Mario Monti ha bloccato le compravendite di beni facendo scendere la soglia anti-riciclaggio a 1000 euro.

Il nero esiste ed aumenterà ancora se la pressione fiscale non scenderà, al contrario di quello che possono pensare gli RENZI E PADOAN, la gente prima di pagare le tasse,
pensa alle proprie famiglie, e contro il ladro che entra in casa, cerca di nascondere i propri gioielli limitando i danni.

Sembra assurdo ma è così: il nostro Paese si è salvato dal default proprio per i volumi enormi di nero in circolazione, altro che Monti, Letta e Renzi.

Quindi si continuino ad aumentare le tasse, visto che le entrate sono in discesa sempre…

Anche il dato sulla disoccupazione è falso, dal 12,9% che ha allarmato Renzi occorre togliere circa 3 milioni di lavoratori in nero, dei quali in buona percentuali assistiti anche dall’aspi.
Meditiamo..