CDM aumenta la “Tasi”, altro che riduzione del cuneo!

Il neo-premier Renzi, appena sveglio di buon mattino ha twettato: “disoccupazione allucinante variamo il job-act” ma poi il C.d.M. ha approvato «l’aumento Super della Tasi» e non la riduzione del cuneo pro-assunzioni.

RENZI CDM AUMENTA TASII buoni propositi spesso si scontrano frontalmente con la realtà delle cifre.

Per la copertura dei costi dei servizi indivisibili, i Comuni potranno aumentare la TASI fino al 3,3 per mille sull’abitazione principale e all’11,4 per mille per le seconde case, con forbice quindi maggiorata dello 0,80%.

Dunque moltissimi comuni prenderanno al volo la possibilità di aumentare la TASI per far respirare i propri bilanci.

Ricordiamo che al primo “act” di «Pindaro Renzi» (quando ha chiesto la fiducia) parlava dell’arrivo di miliardi come fossero acqua, dai 60 per i debiti della pubblica amministrazione per il pagamento delle imprese creditrici ai 10 per la riduzione del cuneo fiscale e da ieri dopo la triste vicenda del “salva Roma” si parte con il solito ritocco delle tasse, come la TASI, CHIARAMENTE AL RIALZO.

Ora dopo la sbornia da “auto-infusione” si ritorna alle triste attualità dove Renzi si sta accorgendo che la cattura delle adesioni attraverso promesse surreali sia proprio il dramma maggiore di questi talenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here