Proroga “beni ai soci” al 31 gennaio 2013. Vergognoso !

Arriva – con un semplice comunicato – anche la proroga della «comunicazione dei beni ai soci».

Non c’è da preoccuparsi quindi per la “comunicazione dei beni ai soci” in scadenza il prossimo martedì 12 dicembre 2013. L’Agenzia delle Entrate con due parole di comunicato diramato il 6 dicembre, al pari dello spesometro, ha prorogato al 31 gennaio 2014 anche l’invio della comunicazione dei beni ai soci.

Nel comunicato in realtà non si parla di proroga ma solo di “apertura del canale telematico fino al 31 gennaio 2014”  e quindi è una “proroga …..” che per decenza viene chiamata in maniera diversa.

La proroga della comunicazione si è resa necessaria per l’incompletezza nelle disposizioni e circolari emanate dall’Agenzia delle Entrate. Indispensabile una circolare completa ed esplicativa sia per permettere ai contribuenti di sapere con certezza quando sorge l’obbligo di comunicazioni della concessione di beni ai soci e i finanziamenti dei soci.

Le istruzioni sono arrivate a singhiozzo, come l’ultima, che riguardava l’obbligo di comunicazione della concessione di beni ai soci anche quando  questi ultimi hanno indicato il corrispondente valore tra i i redditi diversi del proprio modello UNICO/Pf.

Ormai l’Agenzia ci ha abituato a queste vessazioni  “del contribuente” e dei consulenti:  si spostano scadenze e somme da versare come se fossero birilli giocattolo.

I fiscalisti ad affannarsi per rispettare i termini di legge  per evitare sanzioni ai propri clienti, quando a un certo punto si si rendono conto che stanno correndo a vuoto.

Un’amministrazione finanziaria così indecisa non si era mai vista, vedi anche la questione dell’IMU.

Un ministero che va cambiato nei suoi vertici:  è veramente vergognoso  in un Paese come l’Italia.