Compensazione f24 IRPEF-IRES: arriva il visto di conformità.

Arriva l’obbligo del visto di conformità anche per la compensazione di crediti  IRPEF e IRES  superiori a 15.000 euro.

La relazione tecnica che accompagnava il ddl stabilità parlava chiaro: Troppe le compensazioni di contributi, premi assicurativi ed IVA, che giungono dall’utilizzo in f24  di crediti IRPEF ed IRES.

Sono un miliardo e 177 milioni di euro in più, i crediti IRPEF-IRES utilizzati in compensazione nei primi 8 mesi dell’anno in corso rispetto allo stesso periodo del 2012. L’utilizzo in compensazione dei crediti da imposte dirette è cresciuto in maniera eccessiva e talvolta indebita, dove spesso i contribuenti si auto-quietanzano contributi e tasse di ogni tipo.

Dati, come detto, che risultano confermati dalla relazione tecnica che accompagna la Legge di Stabilità.

 I contribuenti possono togliersi debiti sia erariali che previdenziali evidenziando nel modello F24 crediti in compensazione IRPEF-IRES, vantati con asserzione nei confronti dello Stato, e saldando altrettanti debiti come: IVA, IRES, IRPEF, IRAP, DM10, contributi commercianti e artigiani, premi INAIL, e persino la TARSU al comune  con il codice 3920.

La legge di stabilità, quindi, per mettere un freno a tali compensazioni spesso indiscriminate e  indebite, ha esteso l’obbligo del “Visto di conformità” anche per le compensazioni di crediti «per imposte dirette superiori a 15.000 euro», alla stessa stregua dell’IVA, da cui però differiscono, per fortuna, solo per la mancanza del divieto di compensazione prima della presentazione della dichiarazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here