Con la TASI pagano gli esentati IMU.

L’IMU rimane sulle seconde case, la TRISE è un composto di TARI E TASI: risultato? La TASI sarà a  carico anche di coloro che prima non pagavano l’IMU in quanto proprietari di piccoli unità catastali.

Lo Stato, in buona sostanza, «passa la palla» ai Comuni, che stabiliranno quanto gli “OCCORRE” per pagare i servizi comunali; in base a tale calcolo, saranno fissate le aliquote della TASI che potranno variare dall’1 per mille al 2,5 per mille, a seconda di quel che serve…

Probabilmente rimpiangeremo l’IMU, con la nuova TASI, TARI e TRISE.

Si prevede che la TASI dovrà essere pagata su 5 milioni di immobili PRIMA CASA sui quali prima non si pagava l’IMU.

Quindi l’eliminazione dell’IMU prima casa, voluta a tutti i costi dal PDL, è servita solo a far risparmiare i proprietari di immobili DI LUSSO.

Infatti, nel Ddl stabilità  (salvo modifiche in corso di conversione)  con l’introduzione della nuova TASI non si avrà diritto ad alcuna detrazione sulle piccole unità abitative.

Dall’analisi eseguita, per l’anno 2012, oltre 4,9 milioni di prime case non hanno pagato l’IMU, in quanto esentate dalla detrazione di 200 euro, a cui si aggiungevano 50 euro per ogni figlio convivente fino a 26 anni.

Con la Tasi invece, sia pur utilizzando la stessa base imponibile IMU (rendita catastale + 5% X 160)  non si prevede ─fino ad oggi ─ alcuna detrazione.

La Tasi avrà un’aliquota standard dell’1 per mille con un tetto massimo del 2,5 per mille.

Inoltre l’IMU non è stata cancellata, ma rimane sulle seconde case e gli altri immobili.

In pratica i Comuni italiani faranno pagare la TRISE costituita da:

  • TARI: che dovrà essere pagata a copertura del servizio di smaltimento rifiuti;
  • TASI: che dovrà essere pagata a copertura dei servizi indivisibili.

La TRISE, o entrambe TARI E TASI, dovrà essere corrisposta da “chiunque possiede, occupa o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse”.

Quindi, allla TRISE  molto probabilmente saranno obbligati anche gli inquilini, e non solo i proprietari.

A spanne il carico impositivo aumenta, «ma sarà trasferito dalle tasche vuote dei meno fortunati a quelle stra-piene dei cittadini facoltosi».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here