Published On: lun, Ott 7th, 2013

Case fantasma: 589 milioni di recupero.

492mila le case fantasma con rendita presunta spuntate dai controlli dell’Agenzia del Territorio, iniziati nel 2007, che qualora confermate, produrranno un maggior gettito di 589 milioni di euro.

LE CASE FANTASMA AL RENDICONTO DEI CONTROLLI.

Con l’attività di controllo espletata dai tecnici dell’Agenzia delle Entrate, più di 1,2 milioni di case fantasma, ad oggi risultano registrate sia al Fisco che al catasto.

Mediante l’attribuzione di una rendita presunta circa 492mila case fantasma hanno una rendita presunta.

L’operazione “case fantasma” partita nel 2007, è stata condotta con vari strumenti tra cui la le foto aeree targate AGEA, che poi sono state sovrapposte alle mappe degli immobili regolari.

Un’operazione che nella sua totalità potrebbe PRODURRE UN MAGGIOR INTROITO PER L’ERARIO  di  589 milioni di euro, secondo le stime del Ministero.

Con l’operazione immobili fantasma ,  setacciate più di 2,2 milioni di particelle di terreno, utilizzati abusivamente per la costruzione di immobili abusivi-

La tabella sottostante illustra i numeri di questa importante attività di accertamento.

Particelle catastali identificate (numero) 2.228.000
   Particelle con accertamento concluso 2.037.000
     Particelle con fabbricati cui è stata attribuita la rendita (definitiva o presunta) 1.039.000
     Particelle su cui ricadono immobili che non richiedono l’accatastamento 998.000
   Particelle con accertamento da perfezionare (es. intestate a enti pubblici) 191.000
Unità immobiliari a cui è stata attribuita la rendita catastale 1.261.000
   Unità immobiliari urbane con rendita definitiva 769.000
   Unità immobiliari urbane con rendita presunta 492.000
Rendita catastale attribuita (milioni di euro) 825
   Rendita catastale definitiva 537
   Rendita catastale presunta 288
Condividi:
Share

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Share