Commercialista reo di dichiarazione fraudolenta.

Commette reato il commercialista che indica nella dichiarazione dei redditi del cliente fatture false, di cui era a conoscenza.

E’ quanto ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza depositata il 28 settembre 2013, n. 39873, dichiarando che la condanna  è scaturita dalla consistenza delle fatture false, i cui importi erano tali da poter far sorgere in un commercialista appena avveduto il dubbio della loro falsità, in quanto indicavano oltretutto prestazioni generiche a fronte di importi elevati.

Una delle due cartiere aveva addirittura sede legale proprio nello studio del commercialista condannato.

La grave circostanza in cui è incappato il consulente, da cui  è nata la condanna penale,  è proprio l’aver rilevato che una delle due false società aveva la sede legale presso il suo ufficio, non facendo testo il fatto che la detrazione FISCALE fosse beneficiata dal cliente, e dimostrando che il commercialista  era sicuramente a conoscenza di contabilizzare fatture per operazioni inesistenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here