Condanna Berlusconi, Napolitano: sentenze da rispettare.

E’ arrivata in tarda serata la nota del Presidente Napolitano sull’agibilità politica del leader del PDL dopo la condanna.

Nell’essenza il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha dichiarato che le sentenze vanno sempre rispettate, e quindi anche la condanna Berlusconi.

Nessuna grazia è stata chiesta al Quirinale contro la condanna Berlusconi ma è necessario che il Governo vada avanti, nel rispetto degli equilibri istituzionali, e al fine di portare a compimento le riforme, citate quella elettorale e della giustizia. Gravissima una crisi di governo in questo momento.

Dopo la dichiarazione di Giorgio Napolitano, la palla della condanna Berlusconi passa al parlamento e soprattutto al Pd, il quale dovrà decidere se accettare in Parlamento “un condannato” per la tenuta dell’esecutivo qual’è Silvio Berlusconi.

È chiaro che se così non fosse, il PDL sarebbe pronto a scatenare la crisi di governo, previa valutazione di Berlusconi, che non essendo uno stupido, verificherà lo “share elettorale” del nuovo partito Forza Italia 2.0, prima di ritornare alle urne.

La questione a tal punto diventa più complessa per il PD, in cui i dissensi interni e le spaccature diventerebbero un fatto di ogni giorno, nel momento in cui si lascerebbe passare  la condanna di Berlusconi pur di non far cadere il governo.