Published On: sab, Lug 27th, 2013

No a pignoramento e fermo sui beni dell’attività.

Pignoramento e fermo amministrativo sono stati al centro delle novità ─ emendate al DL 69-2013 ─ in sede di conversione in legge.

“Una boccata di ossigeno per i contribuenti debitori del fisco”.

Pignoramento e fermo amministrativo non saranno più eseguibili sui beni indispensabili all’esercizo dell’attività aziendale o professionale. Questi, in ogni caso però, saranno pignorabili entro il limite del 20% del valore, sempreché gli altri beni non soddisfino il debito iscritto a ruolo a carico dell’imprenditore o professionista.

Stop al pignoramento dell’abitazione principale in cui ha la residenza il debitore, quando questa sia l’unico immobile posseduto.

Non sarà più possibile eseguire il pignoramento di veicoli strumentali all’attività d’impresa  o professionale.

Sono queste le modifiche apportate dalle Commissioni camerali in sede di conversione in legge del Decreto 69/2013.

Certamente misure pro-contribuente.

Inoltre la possibilità di rateizzare i debiti iscritti a ruolo in 120 rate, è declinato all’attuazione di un decreto attuativo, mentre in riguardo alla decadenza dal beneficio della rateazione concessa da Equitalia, è già operativo il limite di 8 rate impagate per decadere dal beneficio della dilazione ottenuta.

Condividi:
Share
Share