Detrazione IVA: rettifica giusta per acquisti sottocosto, da frode.

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 16456 del 1° luglio 2013, ha dichiarato legittimo l’accertamento nei confronti dell’imprenditore, a cui gli veniva rettificata la detrazione IVA sugli acquisti  — di prodotti a prezzi sottocosto — tali  da ritenere, ciò, una prova della conoscenza della frode carosello.

Costituisce quindi prova della conoscenza della frode, per il Fisco,  l’acquisto di prodotti a prezzi sottocosto molto più bassi di quelli di mercato, tale da legittimare l’accertamento dell’Agenzia delle Entrate che rettifica la detrazione IVA sugli stessi.

Questo è in sintesi il principio enunciato dalla Corte di Cassazione con la Sentenza deposita il 1° luglio 2013.

La Corte suprema, nel negare ad una società la detrazione IVA su acquisti a prezzi molto bassi, ne rigetta il ricorso, fondato sull’addure la propria buona fede, in mancanza di un obbligo di legge che preveda l’effettuazione di indagini sul fornitore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here