Corte dei Conti: Pressione fiscale al 53% in brusca impennata.

foto repubblica.it

Brusca impennata della pressione fiscale.  Ieri il Presidente della Corte dei Conti “Lugi Giampaolino”, in commissione Finanze, ha detto: «siamo arrivati al 53%».

Il Presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino (che definiremmo il “Cassandra di Troia” della crisi italiana, per aver più volte indicato la strada da seguire e mai ascoltato … vedi articolo del 5 febbraio 2013) sentito in  Commissione Finanza della Camera, ha detto che: “evasione e pressione fiscale sono in salita». Questi i dati principali  (consuetamente preoccupanti)  che emergono dalla relazione della Corte dei Conti.

Il dossier illustra come in entrambi i casi “sia per l’evasione che per la pressione fiscale” le azioni dei vari esecutivi non hanno prodotto i previsti effetti positivi.

  • Evasione fiscale.

Fallimentare la lotta all’evasione, dovuta alla disomogeneità tra le azioni delle varie autorità deputate alle verifiche.

  • Pressione fiscale.

Il Presidente della Corte dei Conti evidenzia che il gravame fiscale ha raggiunto ormai livelli eccessivamente alti arrivando addirittura al 53%.

Continuando ha detto che i due aspetti – macroscopicamente negativi – del nostro Paese sono due facce della stessa medaglia e interconnessi tra di loro.

Finendo per colpire sempre i contribuenti ONESTI, che sono gli unici a rispettare con puntualità ed in modo  assiduo gli appuntamento con le casse statali.

Altra piaga che completa il quadro fragile della struttura delle Finanze italiane è quella dell’economia sommersa che grava per il 18% del Pil.

Solo la Grecia, ha detto Giampaolino, riesce a fare peggio di noi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here