Published On: mar, Giu 11th, 2013

Proroga versamenti unico ufficiale. Ma solo per coloro soggetti agli studi di settore.

La proroga per i  versamenti derivanti da UNICO  e’ ufficiale.

il DPCM di rinvio è alla firma del Presidente del Consiglio dei Ministri per la sua successiva pubblicazione.

Il Premier “Enrico Letta” ed il Ministro dell’Economia e delle Finanze “Fabrizio Saccomanni”, a breve firmeranno il decreto che proroga i versamenti derivanti da UNICO 2013 “esclusivamente per i contribuenti soggetti agli studi di settore“.

Il rinvio dei versamenti, riguarda esclusivamente i contribuenti che sono tenuti ad effettuare “i pagamenti  derivanti da Unico entro il 17 giugno 2013” e che esercitano attività economiche per le quali è stato predisposto il relativo studio di settore, sempreché non dichiarino ricavi superiori a 5.164.569 euro.

Con la concessione della proroga tali soggetti potranno effettuare i versamenti entro l’8 luglio 2013 senza maggiorazioni ed entro il 20 agosto 2013 con la maggiorazione dello 0,40%.

La proroga riguarda anche coloro che dovranno dichiarare redditi imputati per trasparenza (art. 5, 115 e 116 del TUIR) da soggetti per i quali è stato elaborato il relativo studio di settore,  quali i soci di società di persone nonchè di società a responsabilità limitata che hanno optato per il regime della trasparenza.

Non slittano i termini ordinari di versamento per coloro che non sono interessati agli studi di settore.

Soggetti per i quali «non opera» la proroga.

  • I nuovi termini di versamento, che ricordiamo sono l’8 luglio 2013 (in luogo del 17 giugno 2013) e il 20 agosto 2013 ( in luogo del 16 luglio 2013), non riguardano quei soggetti IRES, anche soggetti a studi di settore, i cui termini di versamento in via ordinaria erano già previsti dopo il 17 giugno 2013.

Ed ancora rimangono fermi al 17 giugno 2013  i termini per i versamenti dei seguenti soggetti:

  • I contribuenti persone fisiche che non esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, e quei soggetti che ricadono nel regime dei minimi, nonché i titolari di reddito agrario quali imprenditori agricoli ed infine i contribuenti soggetti ai parametri, ai sensi dell’art. 3 comma da 181 e 187 della Legge n. 549 del 28/12/1995.

La proroga per i contribuenti soggetti all’applicazione degli studi di settore, opera anche per altri versamenti che derivano dalla dichiarazione annuale dei redditi come:

– la cedolare secca.

– i contributi previdenziali INPS di commercianti ed artigiani per l’eccedenza sul minimale.

– i contributi previdenziali INPS dovuti alla Gestione Separata INPS, da commercianti, professionisti ed artigiani.

– il saldo IVA 2012.

– L’adeguamento eventuale agli studi di settore.

– il diritto camerale dovuto per l’iscrizione al Registro Imprese.

– le imposte sul patrimonio all’estero IVIE E IVAFE.

In caso di rateazione si avrà solo lo spostamento della prima rata e non delle successive:

Chi vuole versare le imposte in 6 rate a partire dall’8 luglio 2013 dovrà pagare le successive entro il 16 luglio, 20 agosto, 16 settembre, 16 ottobre e 16 novembre 2013.

Chi vuole versare la prima rata il 20 agosto 2013, potrà rateizzare gli importi da pagare in sole 4 rate a partire dal 20 agosto 2013,  e le successive entro il 16 settembre, 16 ottobre e 16 novembre 2013.

Condividi:
Share

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Share